A Roma il blocco del traffico scatena l’ira dei negozianti: “Il Campidoglio non pensa al commercio”

Una domenica ecologica in pieno periodo di shopping natalizio. E scoppia la rivolta dei negozianti contro il Campidoglio: “Questa amministrazione odia il commercio, è evidente”, dicono gli esercenti che puntano il dito contro il blocco del traffico nel periodo che precede il Natale, quando gli affari dovrebbero volare. E come dargli torto?

Senza tutela

La scelta di effettuare un’ecogiornata a ridosso del Natale, in effetti, dimostra poca sensibilità sul fronte delle Attività produttive. E una mancanza di una figura di spessore capace di far sentire la voce dei commercianti a Palazzo Senatorio. Ecco allora che sono in molti che puntano il dito contro l’assessore al commercio: “Le giornate ecologiche sono necessarie – spiega Armando, proprietario di un negozio su via Appia – ma possono esser calendarizzate in modo tale che non vadano a paralizzare un settore già in crisi da anni come il commercio. A Roma si fa di tutto per andare contro gli esercenti: si fa la guerra ai dehors, non si tutelano i negozianti evitando questa cialtronata della domenica a piedi e si continua a portare avanti una politica per pochi a dispetto di tanti che pagano le tasse”.

Ira in Centro

I più infervorati contro l’amministrazione Gualtieri sono i negozianti del centro storico. “Cantieri, metro che fa schifo, trasporti lumaca, ztl e ora pure il blocco del traffico nel periodo prenatalizio – tuona Maria Perugia, da via della Spiga – ci vogliono uccidere? Bene, sappiano che ci stanno riuscendo. Dedico questa giornata di zero incassi all’assessore Lucarelli e alla presidente del I Municipio. Dalle loro poltrone forse non vedono cosa accade nel mondo reale”.

Per approfondire