Addio al giornalista Claudio Donat-Cattin: figlio del politico Dc, era stato autore di Porta a Porta

Claudio Donat-Cattin

Il giornalista Claudio Donat-Cattin è morto a 79 anni all’ospedale Gemelli di Roma, dove alcune settimane fa era stato ricoverato in seguito a un malore. È stato un innovatore del giornalismo, come autore tv e coordinatore di diversi programmi Rai. Era nato a Murazzano, nel cuneese, primogenito dei 4 figli di Carlo Donat-Cattin, personalità storica della Dc, di cui è stato vice segretario e ministro, esponente dell’anima sociale del cattolicesimo politico italiano, scomparso nel 1991.

Claudio Donat-Cattin, gli inizi alla Gazzetta del popolo

Gli inizi nel giornalismo per Claudio Donat Cattin erano stati alla Gazzetta del popolo di Torino, prima come cronista di nera e poi di bianca. Fu protagonista nel periodo dell’autogestione della testata, in cui ebbe un ruolo di leader. Una fase storica del giornalismo ‘civico’ di cui la Gazzetta del popolo divenne simbolo. E’ stato autore, con Vito Napoli, di un’inchiesta, nel 1969, sullo scandalo delle cliniche nella sanità torinese, per la quale gli fu attribuito nel 1971 il premio Saint Vincent per la cronaca. E’ stato vice direttore della Gazzetta del popolo, de Il Giorno e di Raiuno. In Rai, dove è approdato nel 1991, si è occupato delle trasmissioni religiose. È stato co-fondatore del programma Porta a Porta nel 1996 e ha partecipato alla costruzione del format con Bruno Vespa, Marco Zavattini, Marco Aleotti e Antonella Martinelli. Per molti anni ha partecipato alla creazione quotidiana del programma, come coordinatore e braccio destro di Vespa. E fino a poche settimane fa, prima di essere colto dal malore, ha continuato a lavorare per la trasmissione.

Il cordoglio di Vespa e Crosetto

Bruno Vespa ha voluto ricordarlo così, in un tweet: “Con Claudio Donat Cattin scompare un grande professionista, un amico di lunga data, un instancabile compagno di lavoro. Vice direttore del Giorno e di Raiuno, è stato un punto di forza di Porta a Porta fin dalla fondazione”. “Oggi ci ha lasciato Claudio DonatCattin – ha scritto su Twitter il ministro della Difesa, Guido Crosetto grande uomo, noto a tutti per la sua eleganza e gentilezza nei modi, stimatissimo giornalista e professionista della comunicazione. Un gentiluomo d’altri tempi ed un amico. Le mie condoglianze alla famiglia. A Dio, Claudio”. Donat-Cattin lascia la moglie Roberta, la figlia Barbara, la nipote Natalie e la sorella Maria Pia.

Per approfondire