Alla Casa del Cinema di Roma il 12 settembre la pittura incontra i grandi film

Il cinema in uno sguardo (2)

L’arte del disegno incontra il cinema nella nuova mostra in partenza alla Casa del Cinema, dalle ore 18 del prossimo 12 settembre. Per un mese, fino all’11 ottobre, gli spazi Amidei e Zavattini, faranno da cornice alla mostra “Il cinema in uno sguardo”, una personale dell’artista disegnatore Luca Musk, curata dal critico Plinio Perilli. L’esposizione intende rendere omaggio al cinema italiano e internazionale attraverso una ricca selezione di immagini iconiche accuratamente rielaborate dall’artista. Grazie alle raffinate tecniche tradizionali quali la china e l’acquerello, base di partenza per approdare al traguardo, visivo e sfaccettato, di una nuova e potente elaborazione digitale. Dai grandi film, agli attori celebri, fino alle scene memorabili.

Dalle arti espressive nuova energia al cinema

L’esposizione di Musk gioca con l’immaginario collettivo conferendo nuova energia a immagini, fotogrammi che hanno fatto epoca. Articolata in 13 sezioni differenti, la mostra ripercorre decenni di storia del cinema attraverso 120 opere ottenute con diverse tecniche. Dai 50 disegni a matita realizzati prevalentemente dall’artista Larosa Purpurea, ai 10 acquerelli monocromatici di Musk (con matite dello stesso artista e Larosa Purpurea). Passando per 28 tavole dedicate a scenografie e illustrazioni di film ad acquerello e china colorata. E finire con 32 forex in digital art. Dalla sezione “Sul set” con immagini da “Vacanze romane”, “Blade Runner”, “La finestra sul cortile” e “Fuga da Alcatraz” a quella dedicata a “La danza nel cinema”, con le tavole dedicate a “Metropolis”, “Lezioni di piano”, “Suspiria”, “Dirty dancing” e ‘Il cigno nero”.

La comicità italiana, la tensione, il western

Si prosegue, poi, con la Comicità italiana e internazionale composta dai lavori sui grandi classici del genere come “Il dottor Stranamore”, “Una poltrona per due”, “Febbre da cavallo” e “Amici miei”. Salvo poi passare ai film di pura tensione emotiva di “La casa delle finestre che ridono” e “Arancia meccanica”, rappresentati nella sezione “Dipingere la paura”. E poi ancora, una sortita nel genere Western con le rielaborazioni di “Django Unchained”, “Il buono, il brutto e il cattivo” e “Dead Man”. E un richiamo al Cinema Sensuale con i disegni dedicati a “Malena”, “Scandalosa Gilda”, “Basic Instinct”, “Della morte, dell’amore”. Infine, la sezione “Amici e complici” con i richiami a “La stangata”, “Diabolik”, “Papillon” e un focus sul rapporto tra Pasolini e Totò.

Dalle grandi dive alle coppie nel cinema

Una sezione speciale è dedicata ai ritratti di grandi dive come Monica Vitti, Catherine Deneuve e Grace Kelly, tutte insieme in “Lo sguardo delle muse del cinema”. Mentre con “Emozioni monocromatiche” ci si concentra sulla tecnica adottata da Musk per rivisitare in un’unica dominante cromatica pellicole come “Melancholia”, “Blade Runner” e “La grande fuga”. A completare il viaggio, infine, le sezioni dedicate a “Le coppie nel cinema” (da David Lynch/Isabella Rossellini a Robert De Niro/Elizabeth McGovern). Poi il cinema sorprendente rappresentato da “Orchidea selvaggia”, “The shining”, “Perfetti sconosciuti”, e lo storico passaggio dall’analogico al digitale (“Dottor Stranamore”, “Eyes wide shut”, “Diabolik”). Fino allo “‘Sguardo Innamorato” (“Della morte, dell’amore”, “Top Gun”, oltre alle attrici Sharon Stone e Audrey Hepburn).

Per approfondire