Altri 507 morti, superate le 80mila vittime. Ed è strage di medici, sono 287

morti lazio coronavirus

Siamo in piena bufera, altri 507 morti oggi. Però l’indice di positività, scende, ora siamo al 9 per cento. Sono 15.774 i nuovi contagi da coronavirus riscontrati oggi in Italia dopo aver analizzato 175.429 tamponi. Da ieri registrati altri 507 morti, il tasso di positività scende ora al 9%. Diminuisce anche il numero delle terapie intensive, dove sono ora ricoverate 2.579 persone (-57 da ieri). 1.673.936 sono i guariti in totale (+20.532), mentre 564.774 gli attualmente positivi (-5.266). Questi i dati elaborati dal ministero della Salute, consultabili anche sul sito della Protezione civile. Purtroppo con i 507 morti registrati oggi, in Italia, dall’inizio pandemia il numero delle vittime ha superato le 80mila persone. Il totale è infatti ora di 80.326. Questi i dati elaborati dal ministero della Salute, consultabili sul sito della Protezione civile.

Nel Lazio 41 morti e 1612 contagi

Oggi nel Lazio, “su oltre 13 mila tamponi (+475), si registrano 1.612 casi positivi (+231) e 41 morti (-1). E’ stata superata quota 100mila guariti (+1.935). Diminuiscono i decessi e le terapie intensive, mentre aumentano i casi e i ricoveri. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 11%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 5%. I casi a Roma città tornano a quota 700”. Lo sottolinea l’assessore alla Sanità e Integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, nel bollettino al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e ospedale pediatrico Bambino Gesù.

La situazione nelle province laziali

“Nelle province del Lazio si registrano 489 casi e sono 6 i decessi nelle ultime 24 ore. Nella Asl di Latina sono 247 i nuovi casi. Si registrano 2 decessi di 90 e 90 anni con patologie – rimarca l’assessore – Nella Asl di Frosinone si registrano 102 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registra un decesso di 93 anni con patologie”. “Nella Asl di Viterbo si registrano 100 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano 2 decessi di 71 e 88 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 40 casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 81 anni con patologie”, conclude l’assessore alla Sanità della Regione Lazio.

Prosegue la strage dei medici

Intanto è strage di medici. Ancora una vittima tra i medici italiani durante la pandemia di Covid-19. La Fnomceo, Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, aggiorna l’elenco caduti ricordando Luca Parolari, ginecologo e odontoiatra. E’ il decesso numero 287, dopo che questa mattina la Fnomceo aveva segnalato la morte di Carlo Cristini, professore di psicologia dinamica, 286esima vittima.

 

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *