Arrivederci Roma: la Banda musicale dei vigili urbani fa gli auguri (video)

banda vigili urbani magalli

“Arrivederci Roma”. Sulle note di questa aria famosissima la Banda musicale dei vigili urbani di Roma capitale fa gli auguri a Roma e ai romani. Il “pizzardone” onorario Giancarlo Magalli, infatti, in divisa, presenta il video della Banda musicale. In occasione del Natale di Roma quest’anno la Banda non potrà scendere in piazza per festeggiare insieme ai romani il 2773° compleanno della capitale. Ma, dice Magalli, l’anno prossimo la festeggeremo degnamente. Stavolta compiamo ancora un piccolo sforzo, continuiamo a rimanere in casa, dice il popolare presentatore. Siamo stati bravi finora, non roviniamo tutto proprio all’ultimo mometno. Già si vede la fine di questa emergenza, conclude Magalli.

La Banda si potrà seguire solo via internet

Le esibizioni della compagine musicale si potranno purtroppo seguire solo via internet, almeno per quest’anno. Niente cortei storici, niente cerimonie, niente esisbizioni dal vivo nelle strade e nelle piazze di Roma. Nel video, che proponiamo, sulle note di “Arrivederci Roma”, sfilano le più celebri esibizioni dei vigili urbani in tutti i luoghi simbolo della città, durante le loro esibizioni degli ultimi anni. La Banda musicale del corpo della Polizia locale di Roma Capitale, come si chiama ora secondo questa abitrudine di cambiare i nomi tradizionali, nacque nel 1870 e si chiamava Banda delle Guardie di Città. Si è esibita migliaia di volte a Roma e non solo. Ma memorabile rimase nel 1925 la sua esecuzione di “I pini di Roma” di Ottorino Respighi, alla presenza del maestro stesso.

Attualmente la Banda conta circa 70 elementi. Oltre ad esibirsi in concerto, viene impiegata dal Sindaco di Roma per le attività istituzionali e le funzioni di rappresentanza. Ovviamente, sul sito del comune di Roma, si è come al solito imprecisi: si dice che l’orchestra nacque all’inizio del 1800, quando invece nacque il 15 ottobre 1870. Ma siamo abituati all’èra Raggi… che finirà davvero.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *