Ballottaggi, i grillini votano a sinistra dopo essersi sbranati per anni col Pd. Destra in vantaggio solo a Trieste

polizia green pass (2)

Tutto come da previsioni. I grillini, soprattutto a Roma, dopo essersi sbranati col Pd per cinque anni, hanno votato il candidato del centrosinistra Gualtieri. Gli exit-poll infatti danno in vantaggio Gualtieri su Michetti: circa il 59 sul 41 del centrodestra. A Torino, in vantaggio il candidato del centrosinistra Lo Russo su Damilano, rispettivamnte con il 46 su 31. A Trieste, invece, è il centrodestra a essere in vantaggio. Dipiazza è al 51, secondo gli evùxit-poll, e Russo al 49. Il centrosinistra insomma sembra essersi aggiudicato diversi ballottaggi, complice l’aiuto dei grillini, che sono fuori dappertutto, e della violenta campagna anti-destra scatenata dai media, da intellettuali di sinistra e da esponenti politici.

Fratelli d’Italia: ballottaggi condizionati da accuse mostruose contro la destra

La prima dichiarazione di Fratelli d’Italia, unica forza di opposizione, è del capogruppo alla Camera Francesco Lollobrigida. “Abbiamo visto di tutto in tanti anni di attività politica ma questa campagna elettorale ha superato ogni limite. Attacchi senza precedenti verso l’unica forza di opposizione parlamentare, con tutti gli strumenti utili a screditarla e delegittimarne la rappresentatività. Attacchi personali al suo leader con accuse mostruose. Attività del ministero dell’Interno che fanno rivivere il clima degli anni in cui la strategia della tensione veniva utilizzata per nascondere i fallimenti e la corruzione nei governi. Gruppi di delinquenti utilizzati a orologeria per ‘innescare’ la demonizzazione delle piazze che protestano contro l’esecutivo”.

I cittadini terrorizzati non sono andati a votare

“Giornalisti e intellettuali schierati come plotoni di esecuzione per sostenere teoremi che relegherebbero chi rappresenta milioni di cittadini fuori dall’arco costituzionale. Proposte di cancellazione di partiti come FdI annunciate sui social dai massimi dirigenti della sinistra. Dossieraggi sui candidati sindaco del centrodestra. Ora in ultimo cariche della polizia, idranti e lacrimogeni contro i manifestanti a Trieste, città nella quale si sta votando per il ballottaggio. I cittadini, terrorizzati da questo clima, non vanno a votare e i sindaci eletti rappresenteranno un cittadino su cinque. Questa -conclude- non è democrazia. Dove si vuole arrivare?”.

Per approfondire