Bollettino Coronavirus: altri 552 morti. Nel Lazio 90mila vaccinati, è solo il 61% delle dosi

lazio tampone coronavirus

Sono 17.246 i nuovi contagi di coronavirus in Italia oggi, 14 gennaio, secondi i dati del bollettino della Protezione Civile pubblicato sul sito del ministero della Salute. Si registrano altri 522 morti, per un totale di 80.848 vittime dall’inizio dell’emergenza. Il totale dei casi sale invece a 2.336.279. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 160.585 tamponi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.557 (-22 da ieri). Il tasso di positività è, invece, del 10,7%.

Relativamente ai dati del Lazio, invece, “su oltre 14 mila tamponi (+327) si registrano 1.816 casi positivi (+204), 47 i decessi (+6) e +2.012 i guariti. Diminuiscono i ricoveri e le terapie intensive, mentre aumentano i casi e i decessi. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 12% ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 5%. I casi a Roma città tornano a quota 900. Ci attendiamo il Lazio in zona arancione con un valore Rt di poco sopra 1”. Lo evidenzia l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato nel bollettino al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù.

Bollettino coronavirus: sui vaccini il Lazio arranca

Nel Lazio sono 77.980 i casi attualmente positivi a Covid-19, di cui 2.814 ricoverati, 295 in terapia intensiva, e 74.871 in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia i guariti sono in totale 103.438, i decessi 4.306 e il totale dei casi esaminati è pari a 185.724. Questo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.

Intanto, “prosegue l’attività di vaccinazione e oggi saranno ampiamente superate le 90 mila dosi somministrate nel Lazio. L’attività sta tenendo conto delle dosi necessarie per i primi richiami che inizieranno a metà mese”. Lo sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, nel bollettino al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù.

“Presto in campo i medici di medicina generale per gli ‘over 80’ che nella nostra regione sono oltre 460 mila. Il commissario Arcuri oggi ha garantito che presto verranno allineati i dati in tempo reale con l’anagrafe vaccinale regionale colmando il differenziale esistente – conclude D’Amato – Iniziate negli ‘hub’ le prime vaccinazioni a over 80 in regime di ricovero e day-hospital. Presso il San Camillo effettuate le prime 90 vaccinazioni”.

Per approfondire