Boris Johnson se ne va e fa litigare i suoi per la successione: “Triste lasciare, ma nessuno è indispensabile”

Boris Johnson

Boris Johnson ha appena terminato la sua dichiarazione di dimissioni da primo ministro. Ecco un riassunto dei punti chiave del suo discorso pronunciato in diretta tv da Downing Street. 

La ricostruzione della Bbc del discorso di Boris Johnson

I punti chiave

  • Johnson ha detto che era “chiaramente ora la volontà del partito parlamentare” che ci fosse un nuovo Primo Ministro
  • Il calendario per la scelta di un nuovo premier sarà annunciato la prossima settimana
  • Ha detto di aver aspettato così tanto tempo per prendere la decisione poiché era desideroso di rispettare il mandato affidatogli dagli elettori, dicendo che sentiva che era suo dovere e dovere fare ciò che aveva promesso
  • Ha detto di essere immensamente orgoglioso dei suoi risultati, tra cui il completamento della Brexit, l’uscita del Regno Unito dalla pandemia e la guida dell’Occidente nella resistenza all’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin.
  • Ha affermato che il Regno Unito deve “continuare a salire di livello”, aggiungendo che ciò renderebbe il Paese il più prospero d’Europa
  • Johnson ha detto che ha cercato di persuadere i colleghi che sarebbe “eccentrico” cambiare governo quando abbiamo un tale mandato, ma si rammarica di non aver avuto successo in quelle argomentazioni
  • Ha detto che “a Westminster l’istinto del gregge è potente, quando il gregge si muove, si muove”
  • Ha detto che voleva far sapere al pubblico “quanto fossi triste di rinunciare al miglior lavoro del mondo”, ma “nessuno è indispensabile”
  • Ha ringraziato sua moglie Carrie, i suoi figli, il servizio sanitario nazionale britannico, le forze armate e il personale di Downing Street
Per approfondire