“Caccia al ladro” sui tetti di piazza Vittorio: beccati tre rom in fuga

caccia al ladro sui tetti

Rocambolesca fuga sui tetti dell’Esquilino di tre rom acrobati. Anche quest’anno, in occasione del ponte di Ferragosto, intensificati i servizi di controllo dei Carabinieri nella Capitale e Provincia. Al fine di prevenire e contrastare i reati tipici di questo periodo. Le preziose segnalazioni fornite dai cittadini-condomini hanno permesso alle pattuglie dei carabinieri dislocate sul territorio, in modo particolare nell’arco notturno, di contrastare con successo l’odioso fenomeno dei furti negli appartamenti. Sono state proprio le segnalazioni giunte al Nue 112 che hanno permesso ai carabinieri di arrestare in tre distinti episodi e in diverse zone della capitale ben 6 ladri.

Tre rom in fuga sui tetti dell’Esquilino

In via Principe Eugenio, all’Esquilino, su segnalazione di un cittadino, i carabinieri della Stazione di Roma Piazza Dante supportati da quelli del Nucleo Radiomobile hanno arrestato 3 uomini di 24, 26 e 28 anni, appartenenti a famiglie rom. Tutti con precedenti, sorpresi a forzare la porta di ingresso di un appartamento di un romano non presente in casa. I tre rom alla vista dei carabinieri sono fuggiti, dando vita ad una breve ma rocambolesca fuga che ha visto come teatro, i tetti di alcune palazzine, prima di essere bloccati definitivamente.

Altri tre stranieri arrestati mentre rubavano

Sempre nella notte, i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno sorpreso un cittadino russo di 37 anni e uno georgiano di 42. I due erano all’interno di una palazzina di via Guido Reni, mentre stavano tentando di introdursi all’interno di una abitazione.  Infine, i carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, alle prime luci dell’alba, in via Panisperna hanno sorpreso un algerino di 25 anni. Lo straniero è senza fissa dimora, disoccupato e con precedenti. All’arrivo dei militari il giovane tentava di accedere in un appartamento, colpendo il portone con calci.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *