Chiude Boccadamo a via Frattina. Dopo la pandemia anche un furto, è la fine di un sogno (video)

Chiude il famoso negozio di Boccadamo in via Frattina. Inaugurato nel 2017, alla presenza delle istituzioni e di tanti attori e vip di Roma e non solo, il flag store del celebre marchio di gioielli non ha resistito alla crisi dettata dalla pandemia. E come se non bastasse, domenica ci si è messo anche un furto. Ripreso dalle telecamere interne di sicurezza. Il malvivente che aveva tagliato i fili del registratore di cassa trafugandolo, in realtà è rimasto con un palmo di naso. Perché il cassetto era vuoto. Ma i danneggiamenti sono stati notevoli. Ed è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. A spiegarlo alla stampa è stato direttamente il titolare del marchio Tonino Boccadamo. E dalle sue parole si coglie tutta l’amarezza di chi ha scommesso sull’Italia e su Roma. Sentendosi alla fine abbandonato. “Amici purtroppo il Flagship Store Boccadamo, è stato oggetto di un furto. Lascia sgomenti che ciò sia accaduto in pieno centro, a due passi da Piazza di Spagna”. Così lo stesso Boccadamo, che poi ha proseguito il suo sfogo al quotidiano Il Messaggero. “Il balordo ha rubato la cassa che naturalmente era vuota – ha precisato l’imprenditore. Ma ci sono stati molti danni materiali. A questo si aggiunge un anno difficile, con prolungati periodi di chiusura e un affitto ingente. Con tutto ciò, mi trovo costretto a chiudere lo store di Roma. Un dispiacere, a cui si aggiunge tanta amarezza per la fine di un sogno».

Negozi, ogni giorno chiudono in 100. Confcommercio, la zona rossa ‘a singhiozzo’ ci ha rovinato

Tonino Boccadamo, è la fine di un sogno. A noi non ha pensato nessuno

“Il furto mi ha colpito nel profondo. Non solo come imprenditore, ma soprattutto come commerciante. Perché mi sono immedesimato perfettamente nella condizione di difficoltà di tantissime piccole e medie attività, piegate dalla pandemia. Mi sono sentito ancora più vicino a tutti i concessionari Boccadamo, alle gioiellerie e all’intera filiera coinvolta in questo settore. Persone che non hanno potuto beneficiare degli aiuti, perché le loro attività non rientrano nei beni di prima necessità”. Così il titolare del celebre marchio di gioielli Boccadamo. Che e’ stato costretto a chiudere il prestigioso store di via Frattina. “La boutique di Roma chiude – ha proseguito sconsolato -, come tante altre attività sono state costrette a fare. Mentre si difendeva, giustamente, la salute, è stato trascurato chi doveva fare i conti con attività, affitti, dipendenti da pagare».

Domanda, anche qui c’è lo zampino degli estremisti di destra, o il governo ammetterà che in questo anno abbondante di pandemia forse si è sbagliato qualcosa?

https://www.ilmessaggero.it/roma/news/roma_furto_gioielleria_via_frattina_boccadamo_video_ladro_news-5894225.html

 

Per approfondire