Concorsone in Campidoglio, ancora nessuna notizia per i vincitori

Ancora nessuna notizia per i vincitori del concorsone del Campidoglio. Il primo dopo dieci anni, al quale hanno partecipato decine di migliaia di persone. Nella speranza di un posto fisso al comune, che in periodo di crisi post pandemia torna a fare gola. Si è trattato di un percorso ad ostacoli, che tuttavia la precedente giunta a cinque stelle era riuscita a portare a termine. Con le ulteriori difficoltà determinate dalla pandemia. E dalla necessità di effettuare le prove in presenza. Così si era deciso di limitare a una sola sessione la parte scritta e quella digitale, che sostituiva i cosiddetti orali. E il punteggio ottenuto, è stato sommato ai titoli posseduti dai candidati. Solo che da metà settembre, non se ne sa più nulla. Sia per i vincitori nei settori in cui gli idonei sono meno delle necessità di posti da coprire. Quelli che per intenderci entreranno subito in servizio. E sia per tutti gli altri. Che comunque ambiscono  ad avere la certezza delle graduatorie. Dalle quali il Campidoglio sarà comunque tenuto ad attingere per le prossime assunzioni. Certo, c’è stata la campagna elettorale. Che adesso però è finita. E Gualtieri ha tenuto per se’ la delega al personale. Quindi, spetta al sindaco neo eletto dare al più presto una risposta.

Sul concorsone la palla passa a Gualtieri. Ecco i posti vacanti da coprire

Sarà il neo sindaco Gualtieri a dover gestire gli esiti del concorsone. E a rinnovare in parte la pianta organica del comune, con la copertura dei servizi in maggiore difficoltà. Intanto però i sindacati sollecitano l’amministrazione a fare presto. E l’ex assessore al personale grillino De Santis punzecchia il primo cittadino. Dichiarando alla stampa, “non si perda tempo, serve il ricambio generazionale”. Ma quali sono i settori da coprire? Ecco i numeri. Che ovviamente si sposano con le qualifiche dei rispettivi idonei e vincitori.

Al Comune di Roma mancano decine di tecnici e oltre 270 vigili, solo 223 idonei per 500 posti a disposizione. Per gli altri profili il posizionamento in graduatoria per gli idonei sarà determinante.

Tra funzionari ed amministrativi 1470 i posti messi a bando, 3280 gli idonei complessivi. Per i 100 posti da Funzionario Amministrativo, sono 442 gli idonei. 283 coloro che hanno superato la prova per Assistenti Sociali a fronte di 140 posti disponibili. Per i 20 posti a bando da Funzionario Avvocato, 158 idonei. Per i Funzionari dei servizi educativi 146 idonei per 80 posti; in tutto 126 idonei per gli istruttori dei servizi informatici, 120 i posti.

Così coloro che hanno passato la prova varcando la soglia del 21, punteggio minimo per raggiungere l’idoneità, attendono trepidanti. D’altronde il traguardo raggiunto è prestigioso essendo emersi tra 230mila candidati. E sarebbe assurdo – oltre che controproducente per la macchina amministrativa – farli aspettare ancora.

 

 

Per approfondire