Covid 19, bomba contagio a Stazione Tiburtina

È allarme contagio alla stazione Tiburtina di Roma. Una vera e propria bomba sanitaria che la sindaca Raggi e la Protezione civile dovranno disinnescare al più presto. E della quale dovrebbero essere a conoscenza.  La denuncia arriva dal sito il corrieredellacitta.com che riprende il grido di allarme lanciato da Intersos. Una organizzazione umanitaria internazionale che porta aiuti e generi alimentari agli oltre 250 sbandati e senza tetto che di notte si ritrovano a stazione Tiburtina. Sono in larga parte ex rifugiati politici che hanno perso lo status negli ultimi anni. O che in realtà non l’hanno mai ottenuto. Scivolando in quella zona grigia degli immigrati irregolari senza fissa dimora. Persone che vivono in una situazione igienico sanitaria assolutamente al limite. Che se va bene possono fare la doccia una volta ogni due settimane. E che ovviamente la notte dormono ammassate, senza nessuna precauzione. Non sappiamo se e quanti di loro siano positivi al Covid 19. Ma sappiamo con certezza che questa bomba socio sanitaria nel cuore di Roma va disinnescata subito. Prima che sia troppo tardi.

A stazione Tiburtina 250 immigrati nel degrado ed è allarme contagio da coronavirus

Sono circa 250 tra immigrati irregolari, sbandati ed ex rifugiati politici. Ogni notte si ritrovano per dormire negli spazi adiacenti alla stazione Tiburtina. Proprio sotto ponte Lanciani, in quella zona che dovrebbe essere riqualificata. Con l’abbattimento definitivo della tangenziale est e la creazione dello spazio verde e ciclopedonale. Per ora però la stazione Tiburtina  è un dormitorio per sbandati. Con rischi igienico sanitari enormi. Specialmente oggi che ci troviamo in piena emergenza da coronavirus. Si tratta di gente che può farsi al massimo una doccia ogni due settimane. Come dicono le organizzazioni umanitarie che la sera portano aiuti e cibo a queste persone. Servono subito controlli medici a tappeto, perché ad oggi non sappiamo se e quanto il contagio da Covid 19 si sia diffuso in questa comunità invisibile. Con il rischio che soggetti positivi e non monitorati possano propagare il contagio durante il giorno. Andando in giro liberamente per la città, visto che sono tutti senza fissa dimora. Serve immediatamente un tampone per tutti, concludono gli operatori. E bisogna isolare i soggetti che risultino eventualmente positivi. Altrimenti si rischia una vero disastro sanitario.

https://www.ilcorrieredellacitta.com/news/tiburtina-250-persone-in-emergenza-abitativa-davanti-alla-stazione-aumentano-possibilita-per-contagi-covid-19.html

De Priamo (FDI) Comune verifichi anche tutti gli stabili occupati

Preoccupa la situazione igienico sanitaria dei 250 sbandati e immigrati irregolari che dormono ogni notte alla stazione Tiburtina. In una situazione di degrado intollerabile specie ora che c’è l’epidemia di coronavirus. L’allarme è lanciato dalle stesse organizzazioni internazionali che li assistono, e che chiedono interventi urgenti. Del Comune, della Protezione civile e della ASL. Serve effettuare i tamponi e isolare i soggetti eventualmente positivi a Covid 19. Prima che sia troppo tardi. Ma la stessa cosa andrebbe fatta in tutta la città. Cominciando dai palazzi fatiscenti occupati abusivamente in questi anni da immigrati irregolari. Senza identità e fissa dimora, quindi difficili da controllare. Ma che oggi rischiano di diffondere il contagio se non verranno prese precauzioni. È quanto sostiene il capogruppo di FDI in Campidoglio Andrea De Priamo. Iniziando dal Selam Palace alla Romanina, dove già due occupanti abusivi sono stati trovati positivi. La città paga il no agli sgomberi voluto dalla sinistra e dai grillini, attacca De Priamo. Ora come FDI chiediamo la verifica di tutti gli stabili occupati. Per tutelare i cittadini da eventuali contagi e per ripristinare la legalità e la sicurezza in tutta la città.

https://www.ilcorrieredellacitta.com/news/tiburtina-250-persone-in-emergenza-abitativa-davanti-alla-stazione-aumentano-possibilita-per-contagi-covid-19.html

 

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *