Covid, aumentano ancora i contagi: oltre 7.500. E sale anche la positività

lazio tampone coronavirus

Sono 7.548 i nuovi casi di coronavirus e 59 i morti in 24 ore, secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute. I guariti dall’inizio dell’emergenza sono 4.237.758, 7.081 in più di ieri. Dall’inizio dell’emergenza sono 4.502.396 i contagiati dal covid-19 in Italia mentre sono 128.914 le vittime. E’ quanto emerge dai dati del ministero della Salute sulla situazione del contagio. Al momento sono 135.724 le persone positive al coronavirus, 399 in più di ieri. Sono 244.420 i tamponi, tra molecolari e antigenici, processati in 24 ore che fanno rilevare un tasso positività pari al 3%. E’ quanto emerge dai dati del ministero della Salute sulla situazione del contagio.

Anche nel Lazio aumentano i contagi

“Oggi si registrano 442 nuovi casi positivi (+17) in calo rispetto alla scorsa settimana (-261 rispetto a mercoledì 18 agosto) e sono 4 i decessi (-2). I ricoverati sono 516 (-8), mentre le persone in terapia intensiva sono 66 (-2), i guariti sono 702. I casi a Roma città sono a quota 134. Calano i ricoveri e le terapie intensive”. Lo ha detto l’assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato a conclusione delll’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Nelle province si registrano 133 nuovi casi.  Non si registrano decessi”.

Nella regione calano ricoveri e terapie intensive

Nel Lazio “calano i ricoveri e le terapie intensive”. Lo annuncia l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato nel bollettino Covid quotidiano. Oggi “i ricoverati sono 516 (-8), le terapie intensive sono 66 (-2)”, precisa l’assessore. Nel Lazio “oggi sono state superate le 7,6 milioni di somministrazioni di vaccino”. Lo sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato nel bollettino Covid quotidiano.

Per approfondire