Covid, salgono casi e morti: è per colpa della frettolosa riapertura delle scuole di Conte?

pandemia medico covid

Covid, salgono casi e morti. Forse riaprire le scuole in fretta furia, come se fosse una battaglia di religione, ha causato questo. Sono infatti 17.083 i nuovi casi di coronavirus e 343 i morti in 24 ore. E’ quanto emerge dai dati forniti dal ministero della Salute sulla diffusione del contagio. Sono 335.983 i tamponi processati in 24 ore tra antigenici e molecolari, che hanno fatto rilevare un tasso di positività pari al 5,08%, che quindi è calato, anche se di poco. Ma sono 38 in più in 24 ore i ricoverati in terapia intensiva, per un totale di 2.327 pazienti con covid in rianimazione. Salgono anche i ricoverati con sintomi che sono 458 in più per un totale di 19.570 persone nei reparti ospedalieri con coronavirus.

Il Covid azzanna e non si vede la fine

Complessivamente, quindi, dall’inizio dell’emergenza sono state contagiate dal covid-19 2.955.434 persone mentre ne sono morte 98.288. I dimessi/guariti in 24 ore sono 10.057 che portano il totale delle persone che dall’inizio dell’emergenza hanno superato il virus a 2.426.150. Sono 6.663 in più gli attualmente positivi, ovvero le persone con covid-19 in carico al sistema sanitario nazionale. In totale a oggi in Italia sono 430.996 le persone positive al Sars Cov2.

1.188 nuovo contagi nel Lazio, 29 i morti

Oggi nel Lazio “su oltre 11 mila tamponi (+2.327) e oltre 26 mila antigenici per un totale di oltre 37 mila test, si registrano 1.188 casi positivi (+144), 29 i decessi (+1) e 1.087 i guariti. Diminuiscono i ricoveri, mentre aumentano i casi, i decessi e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 10%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 3%. I casi a Roma città sono a quota 600”. Lo evidenzia l’assessore alla Sanità e l’integrazione sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato, nell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù. “Nelle province si registrano 337 casi e sono sette i decessi nelle ultime 24 ore.

Appello di Sileri: mascherine anche all’aperto

“E’ cambiato il gioco che sta facendo il virus colpendo, seppur con sintomi molto lievi, quelle fasce d’età che prima erano preservate e che rappresentano comunque un serbatoio per la diffusione del virus. E’ chiaro che non andrebbe chiusa solo la scuola, ma anche altre attività dove vi è il rischio di contagio”. Lo ha sottolineato il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite di ‘Timeline’ su Sky Tg24. “Io consiglio sempre di indossare la mascherina Ffp2 – rimarca – laddove c’è più rischio, dove c’è più occasione di incontrare persone. Mezzi pubblici per esempio, ma anche all’aperto, penso agli affollamento ai navigli. E’ quello che dico anche a mia madre. E’ come un maglione, se fa più freddo bisogna usare quello più pesante”. Per rendere obbligatorie le Ffp2 “è necessario che si esprima prima il Cts”, risponde Sileri.

Per approfondire