Cozzolino (Pd) finisce a Poggioreale: “Ha ricevuto tangenti dal Marocco”

Cozzolino

Per l’europarlamentare Pd Andrea Cozzolino è stata disposta la custodia cautelare in carcere. A notificare il provvedimento restrittivo, in una clinica privata di Napoli, i finanzieri del Gico partenopeo su mandato dell’autorità giudiziaria belga nell’ambito delle indagini sul cosiddetto Qatargate. Cozzolino sarà condotto nella casa circondariale di Poggioreale nella città partenopea. All’esponente politico sono stati contestati i reati di partecipazione a organizzazione criminale, corruzione e riciclaggio.

“Cozzolino corrotto dall’ambasciatore del Marocco”

“Dagli elementi raccolti dai servizi di sicurezza belgi (Vsse) sembra che Panzeri, Giorgi e Cozzolino avrebbero ricevuto fondi direttamente dal signor Atmoun”, ambasciatore del Marocco in Polonia. E’ un passaggio del mandato d’arresto internazionale emesso dal Tribunale di primo grado francofono di Bruxelles, notificato oggi all’europarlamentare Andrea Cozzolino a Napoli. Secondo quanto riportato dai magistrati belgi, Cozzolino avrebbe avuto “contatti diretti e stretti” con Atmoun e si sarebbero incontrati a giugno 2022 in Polonia; nel corso dell’incontro, ipotizzano i magistrati, avrebbero discusso della “linea da seguire all’interno della Commissione parlamentare mista Ue-Marocco”. Nel provvedimento del tribunale belga è scritto che ci sarebbero “gravi indizi di colpevolezza”

Socialisti europei sotto choc: oggi due arresti

“Una riunione su una ‘risoluzione del Qatar’ si è tenuta in data 7/12/2021 a quanto pare all’interno degli edifici europei (in circostanze ancora da precisare). Prima di questa riunione”, l’assistente parlamentare “Giuseppe Meroni ha chiesto istruzioni a Panzeri. Al termine della riunione, Panzeri ha ricevuto due sms da Meroni” che recitavano “‘Qatar risolto’ e ‘il quadriumvirato Cozzolino, Moretti, Arena, Tarabella ha colpito con precisione, attenzione ed efficacia”. Lo si legge nel mandato d’arresto europeo emesso dai magistrati belgi nei confronti dell’eurodeputato eletto nelle liste del Partito democratico.

L’imbarazzo del partito del Nazareno

“Sul cosiddetto Qatargate il Partito Democratico ha assunto, sin dal principio, una posizione netta e rigorosa. Nello specifico, nei confronti dell’europarlamentare Andrea Cozzolino, il giorno stesso in cui è affiorato per la prima volta il suo presunto coinvolgimento diretto nella vicenda, i vertici del Partito hanno convocato la Commissione Nazionale di Garanzia che a sua volta ha deliberato la sospensione di Cozzolino medesimo, applicando con inflessibilità le regole di tipo cautelativo previste dallo Statuto”. Cosi’ fonti del Nazareno.

 

Per approfondire