Domenica si corre la Maratona “Acea Run Rome”: un fiume di gente per le vie della Città Eterna

maratona (2)

Sono quasi 11.000 gli iscritti alla Acea Run Rome The Marathon di domenica prossima. A questi si aggiungono i “runner solidali” iscritti alla staffetta Acea Run4Rome e i partecipanti della Stracittadina Fun Race, con partenze differita rispetto alla maratona. Questo assicurerà un fiume di runner e allegria per le strade della Città Eterna. Le donne della maratona sono 2417, oltre il 22% dei partecipanti. Lo fa sapere l’organizzazione con una nota. Sarà in gara anche l’ucraina Tetyana Monayeva che aveva scelto questa manifestazione per festeggiare il suo compleanno, il 22 marzo. La donna è attualmente in viaggio dal confine romeno dove ha servito da interprete per gli ucraini in fuga dal territorio bellico.

Cinquemila stranieri provenienti da 102 nazioni alla Maratona

Nonostante il clima pandemico non sia ancora archiviato e tante siano le limitazioni ai viaggi, Acea Run Rome The Marathon registra 5mila stranieri provenienti da 102 Nazioni in rappresentanza di tutti i continenti. Dopo l’Italia con 5827 partenti, piazza d’onore per i cugini d’oltralpe francesi con 909 presenze. Seguiti dagli atleti del Regno Unito (693) e gli spagnoli (455). Mentre appena dietro in classifica e al primo posto extra-europeo troviamo gli Stati Uniti d’America con 330 partecipanti. L’organizzazione ha contattato i 49 atleti ucraini registrati, ma pochissimi di loro saranno sulla linea di partenza. Alcuni sono riusciti a scappare ma molti hanno fatto sapere di non poter partecipare perché impegnati al fronte o bloccati. Purtroppo uno di loro, Kyrylo, è deceduto il 2 marzo a seguito degli scontri di guerra.

Maratona, il Lazio la fa da padrona

Presenze da tutte le regioni italiane. Lazio che la fa da padrona con 2082 presenze, tallonata da una generosissima presenza di 628 atleti provenienti dalla Puglia che scavalca la Lombardia che annovera 617 runner. Sul gradino più alto del podio le regioni del centro Italia, ex aequo per le regioni del nord e sud. Numeri che si riflettono nelle provenienze provinciali, dove Roma si conferma imperatrice indiscussa con 1837 runner. Sfidata da Barletta-Andria-Trani con 255 partecipanti che battono i milanesi, terzi in classifica con 207 presenze. Sono centinaia che arrivano da Napoli, Bari, Firenze, Chieti, Lecce, Torino. Chiudono la classifica Nuoro, Biella e Vercelli a pari merito.

Il 10% dei partecipanti ha un’età compresa tra 20-30 anni, sono il 22% gli iscritti tra i 31-40 anni, 35% gli atleti dai 41-50 anni, 26% da 51-60 anni, circa 7% da 61-70 anni e persino lo 0.8% di over 70. Tra questi Antonio Rao (Atl. Monte Mario), il più maturo dei maratoneti in gara, che lo scorso febbraio ha spento 89 candeline.

Anziché cena di gala, pranzo con i bisognosi

E quest’anno, in occasione della Acea Run The Marathon al posto della consueta “cena di gala”, è stato scelto di condividere un pasto con le persone più bisognose. Quelle che quotidianamente fanno riferimento al Centro di accoglienza aperto a Palazzo Migliori dall’Elemosineria apostolica. Ossia l’ufficio vaticano che esercita la carità direttamente a nome del Papa e affidato alla Comunità di Sant’Egidio e alle suore francescane dell’Addolorata. Palazzo Migliori, che si trova proprio accanto al colonnato di Piazza San Pietro, circa al 16km del percorso della Maratona e inaugurato personalmente dal Papa (15 novembre 2019) come segno concreto di attenzione ai poveri nel cuore di Roma.

Per approfondire