Due rapine la notte di Natale: in manette un tunisino e un sudamericano

rapinatori Natale roma

Due rapinatori sono stati bloccati dai carabinieri a Roma la sera di Natale. Il primo a finire in manette un 34enne tunisino che, in via Manin, a pochi passi da Piazza dei Cinquecento, ha aggredito un 35enne romeno cercando di rubargli il portafoglio. I Carabinieri della Stazione Piazza Dante, che passavano in quel momento, lo hanno rintracciato mentre stava già rapinando un’altra persona. Inutile il tentativo di evitare l’arresto, tirando ai militari calci e pugni: bloccato con lo spray urticante, è stato portato nel carcere di Regina Coeli, dove resterà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Rapinatori in azione a Natale a Termini e sulla Cassia

Poco più tardi, in via di Grotta Rossa, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato un 35enne, già noto alla giustizia e originario di Santo Domingo. L’uomo, poco prima, è salito a bordo di un’auto ferma al semaforo rosso e ha rapinato l’automobilista del suo portafoglio e di alcuni regali sui sedili posteriori. La vittima ha cercato di opporsi, ma l’intervento dei carabinieri ha scongiurato il peggio. Bloccato il 35enne, sarà sanzionato anche ai sensi della vigente normativa volta al contenimento del Covid-19.

Controlli serrati anche in hotel e case (su segnalazione)

In queste ore sono in corso i controlli sugli spostamenti natalizi in deroga alla zona rossa.  Se si suppone che in un condominio ci sia una festa o un mega-raduno familiare molesto si potrà chiamare il 112. Se la segnalazione o il sospetto di assembramenti riguarda alberghi o strutture ricettive in genere, ui sarano effettuate verifiche tanto dai Vigili urbani quanto dalla polizia amministrativa della Questura. La maggior parte dei controlli, tuttavia, secondo uno spirito dettato da un «atteggiamento comprensivo e improntato al buon senso», come ha tenuto a precisare il Capo della Polizia Franco Gabrielli in una circolare inviata ai questori, avverrà in strada e nelle stazioni.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *