Ecco il biglietto da visita di Ostia: un uomo nudo al parco (video)

ostia giardini (3)

Ecco il biglietto da visita di Ostia, nel X municipio. Una coppia di senza tetto, non sappiamo se immigrati o italiani, ma la cosa non ha importanza a questo punto, si rinfresca in un parco centralissimo. L’uomo è senza pantaloni. Lo denuncia il consigliere capitolino della Lega Davide Bordoni, che pubblica un allucinante video della vicenda. Il video è stato girato in pieno giorno e in ora di punta, da una coppia allibita che passava di là. Il luogo dove la coppia sta ignobilmente bivaccando sotto gli occhi di tutti  sono i giardini tr ala chiesa Regina Pacis e la sede istituzionale del X municipio a Ostia. Un luogo, quindi, dove i vigili dovrebbero essere di casa. Ma non si sono visti.

Ostia, degrado e incapacità amministrativa

“Ecco il biglietto da visita di Ostia! Un mix di degrado ed incapacità amministrativa”, commenta il consigliere leghista capitolino. In realtà, scene come questa sono purtroppo ormai consuete in tutta la città, e i giornali ne documentano moltissime. Almeno quelle che finiscono sui social. Dall’immigrato che defecava vicino una macchina in largo Preneste, quartiere popolosissimo. Ai due che facevano il bagno nudi nella fontana di piazza Trilussa, di giorno, a Trastevere. All’immigrato che, sempre di mattina, orinava in piazza dei Cinquecento tra i passanti. E che si è giustificato con chi lo rimproverava dicendo di essere nero e che quindi aveva diritto di fare quello che stava facendo.

La polizia non è in grado di intervenire?

Insomma, oltre allo spaccio di droga, alla criminalità, alle tendopoli e alle crak house dentro Roma, adesso assistiamo anche a questo schifo da parte di persone che odiano gli italiani, che ofdiano la gente perbene e che vogliono imporci la loro profonda inciviltà e degrado. Queste persone vanno fermate e rispedite da dove provengono, e ci stupiamo che la polizia non faccia nulla per evitare questa offesa alla nazione e alla popolazione che gli paga lo stipendio.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *