Europei, tris di vittorie e primo posto nel girone per gli Azzurri

italia galles (2)

Europei, l’Italia supera anche il Galles e fa il tris di vittorie nel girone A di Euro 2020. La squadra di Mancini con un marcato turnover doma senza troppe difficoltà il Galles vincendo per 1-0 allo stadio Olimpico di Roma davanti a circa 15mila spettatori. Gli azzurri si impongono grazie al gol di Pessina al 39′ del primo tempo e conquistano il primato del gruppo A con 9 punti e raggiungono il record di Vittorio Pozzo di 30 risultati utili consecutivi. Per l’occasione Mancini fa un ampio turnover con 8 cambi rispetto alla Turchia e alla Svizzera, facendo riposare, oltre a Chiellini, non al meglio, anche Di Lorenzo, Acerbi, Spinazzola, Barella, Locatelli, Berardi, Immobile e Insigne. Al loro posto giocano Toloi, Bastoni, Emerson, Pessina, Verratti, al rientro dall’infortunio, Chiesa, Belotti e Bernardeschi.

Mancini: meglio di così non si poteva

“Meglio di così non si poteva. Avremmo potuto fare un gol in più ma loro si sono difesi tutta la partita. Non era semplice, sono stati bravissimi”. Lo ha detto il ct azzurro Roberto Mancini alla Rai dopo il successo per 1-0 sul Galles. Il successo, il terzo nel gruppo A di Euro 2020, ha regalato il primato agli azzurri con 9 punti. Mancini ha attuato un ampio turnover. “Questo credo sia importante. Quando dico che cambiando anche uno o due giocatori non cambia niente è perché sanno quello che devono fare e il prodotto non cambia”. Dopo l’infortunio è tornato Verratti titolare a centrocampo. “Ha dimostrato oggi che sono tutti titolari. Era una partita che volevano vincere, tutti i giocatori hanno fatto quello che dovevano fare.

“Sono tutti titolari”

Titolari non ne esistono, ci sono gli undici che vanno in campo”, ha aggiunto Mancini che ha eguagliato il record di Pozzo. “Ha vinto anche cose importanti. Noi siamo indietro”, ha spiegato il ct. Ora gli ottavi. “Tutti quelli che passano il turno e vanno agli ottavi sono tutti in lizza per vincere”, si nasconde Mancini. “Anche noi abbiamo delle difficoltà. Tutte le partite sono difficili. E’ sbagliato pensare che tutte le partite si possono vincere perché sono tutte nazionali”. Per gli azzurri è l’ultima partita all’Olimpico di Roma. “Salutiamo Roma e la ringraziamo per quello che ha fatto. Dedichiamo questa vittoria ai ragazzini che hanno sofferto in questo momento”.

(Foto da Pagina Facebook Nazionale italiana)

Per approfondire