Fiorello parte col botto: “Ho l’agenda della Meloni, me l’ha data La Russa” (video)

Fiorello Amadeus

Partenza col botto per Fiorello. Ironia, satira pungente, un clima allegro e scanzonato per la prima puntata di Viva Rai Due, il morning show che ha debuttato sul secondo canale dando la sveglia agli italiani. “Una campagna pubblicitaria senza precedenti, tanto che quasi non mi sopportavo più”, è l’apertura del conduttore siciliano che inaugura così anche per la platea televisiva il suo Glass Box di via Asiago 10 a Roma, davanti agli storici studi di Radio Rai.

Prima ancora, lo sketch con Amadeus, entrambi sotto le lenzuola dello stesso letto: “Mi hai chiesto tu di dormire con me, così ti davo un po’ di coraggio – dice – Hai parlato tutta la notte”. Il conduttore di Sanremo 2023 convince FIORELLO ad alzarsi perché deve condurre la prima puntata. “Fiore” ironizza, poi lancia la sigla firmata da Lorenzo Jovanotti, e si può cominciare. Accanto a Fiorello, presenti il fedelissimo Fabrizio Biggio e l’ex iena Mauro Casciari. Dopo aver espresso solidarietà agli italiani colpiti dal maltempo, la prima ospite è Carolyn Smith con le immancabili palette: “Cosa mi piace di Ballando con le Stelle? – commenta Fiorello – Questa atmosfera amichevole che c’è, sembra di essere a casa Soumahoro”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Radiocorriere Tv (@radiocorrieretv)

Le battute più divertenti di Fiorello su VivaRaidue

La politica protagonista della prima parte della trasmissione, a cominciare dalla gag dell’agenda di Giorgia Meloni. FIORELLO la mostra in studio, sostiene di essersela procurata. Apre così la pagina del 5 dicembre: “Ho gli appunti di oggi di Giorgia”. Tra questi, portare il tetto dei contanti a 2500 euro (tra parentesi, “ce devo pensà”), pilates con Mattarella alle 18, rimuovere Coletta e Fuortes, direttore intrattenimento e amministratore delegato della Rai, partecipare alle primarie del PD, invitare Crosetto a cena (“anzi no, magna troppo”), e ovviamente registrare viva Rai Due. “Non vi dico chi mi ha dato l’agenda”, chiosa FIORELLO imitando Ignazio La Russa. Poi parte la finta telefonata a Renzi: “Va bene, dico che con Calenda ora siete i Jalisse della politica – ironizza sulla formazione della federazione tra Italia Viva e Azione – Proprio come loro da 26 anni non fate niente. Ora è Italia Viva Rai Due”.

Per approfondire