Fregene, 19enne violentata in spiaggia: è caccia allo stupratore

I bagnini dello stabilimento di Fregene hanno ritrovato ieri mattina all’alba una diciannovenne romana in stato confusionale. La giovane porta i segni di un rapporto sessuale, come conferma la visita medica a cui è stata sottoposta. La violenza sessuale potrebbe essere avvenuta mentre la giovane era priva di sensi.

Ritrovata sulla spiaggia di Fregene priva di sensi

Secondo quanto denunciato dalla giovane romana ai carabinieri della Stazione di Fregene, la stessa, dopo aver passato la serata con le amiche a bere drink, ha conosciuto un ragazzo con il quale si è poi allontanata. Versione confermat ai militari dell’Arma anche da alcuni testimoni e dagli amici della giovane. Tra gli altri dati che emergono dalle prime ricostruzioni, la ragazza era con un alto tasso di alcol nel sangue. Forse l’aggressore ha approfittato del suo stato per compiere la violenza sessuale.

I carabinieri hanno l’identikit del presunto stupratore

Secondo Leggo, “la ragazza aveva trascorso la serata in uno dei locali notturni del litorale insieme a delle amiche”. Con loro aveva fatto amicizia con un gruppo di ragazzi e poi si sarebbe allontanata con uno di loro, raccontano le amiche che hanno assistito alla scena. Poi il vuoto. La vittima non ricorda nulla, ammette di aver bevuto qualche bicchiere di troppo, ma non ha memoria di ciò che sia successo, le amiche anche non l’hanno più vista fino a quando non hanno saputo del ritrovamento. Ora le autorità sono sulle tracce di questo ragazzo, stanno analizzando i filmati delle telecamere, stanno analizzando i nomi delle persone presenti in discoteca. Verranno ascoltati anche gli addetti alla sicurezza.

 

Nei giorni scorsi, i cittadini di Fregene hanno lanciato una petizione per chiedere al sindaco di Fiumicino e a tutte le forze dell’ordine maggiori controlli. L’iniziativa nasce dai recenti fatti di cronaca: un residente è stato sfregiato in viso con un coccio di bottiglia da un gruppo di ragazzi ubriachi che, alle sei del mattino, stavano danneggiando alcune auto in sosta.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *