Fuga dalla stazione Tiburtina. Senza controlli (video)

Tiburtina

Sembra un film, fuga dalla Tiburtina e nessuno controlla. Guardatelo questo video qui sotto e diffondetelo perché ci stanno prendendo in giro.

Ma come? Ci indignavamo per quelli che scappavano dal Nord per evitare di stare isolati in Lombardia e assaltavano i treni e a Roma invece si può fare come ci pare?

Fuga dalla stazione Tiburtina. Senza disturbo

Su facebook un video che chissà se la polizia ha visto. Ma che ci state a fare con un decreto in mano se non andate nei luoghi più affollati come la stazione Tiburtina? Lì controllate gli “assembramenti” che Conte dice di aver vietato?

E tutta questa gente? Il famoso metro di distanza? E l’auto certificazione che risolve tutto? “Io resto a casa” sembra una barzelletta di fronte alle immagini che ci mostrano l’attesa dei pullman. Così non lo sconfiggeremo mai il coronavirus e qui c’è la prova che se non si blocca tutto è una partita persa.

Ciascuno di noi deve capire che non si possono fare cose del genere. Perché mettono a repentaglio la salute di tutti. E se non basta – e non basta – l’ennesimo decreto di Conte ci vogliono misure ben più adeguate.

Dove sono le forze dell’ordine?

La stazione Tiburtina ci fa vedere con chiarezza tutto quello che non si può proprio fare. Ma quello che è più grave è l’assenza totale di forze dell’ordine. Si offende il questore di Roma se lo facciamo notare? Qual è il piano che la questura ha adottato per evitare i mitici assembramenti?

Dopo l’assedio nei supermercati ci mancava l’affollamento alle fermate dei bus in attesa di partire destinazione fuori Roma, fuori provincia, fuori regione. Chi glielo chiede a tutta quella gente dove va e per quale motivo?

Sono immagini di queste ore. La legge non esiste. Ma non lo dite a Giuseppe Conte che poi ci rimane male.

 

Stazione dei pullman tiburtina . Vi sembra una situazione di emergenza rossa ?

Pubblicato da Lorella De Luca su Martedì 10 marzo 2020

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *