Gaia e Camilla, la procura chiede il giudizio immediato per l’investitore

gaia e camilla

Gaia e Camilla sono le due ragazze morte investite da un suv in corso Francia. Ora la Procura di Roma ha chiesto il giudizio immediato per Pietro Genovese, il 20enne che nella notte tra il 21 e 22 dello scorso dicembre ha investito e ucciso le due studentesse sedicenni Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli su Corso Francia a Roma. Per il giovane, figlio del regista Paolo Genovese, il procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e il sostituto procuratore Roberto Felici hanno depositato la richiesta di immediato cautelare con l’accusa di omicidio stradale plurimo. Il ventenne è agli arresti domiciliari dal 26 dicembre scorso. Nei giorni scorsi è stata depositata in Procura la consulenza del perito del pubblico ministero sull’incidente costato la vita alle due sedicenni.

Gaia e Camilla attraversarono sulle strisce o no?

Secondo la perizia era difficile vedere nella notte due ragazze attraversare in quel luogo. Però il suv correva troppo. Inoltre, secondo la perizia, l’incidente avrebbe potuto essere evitato se il giovane non avesse bevuto troppo. Il ragazzo, che dal 26 dicembre si trova agli arresti domiciliari, aveva sostenuto di essere appena ripartito dal semaforo rosso e che quindi la velocità non poteva essere troppo elevata. Però i periti dicono che l’auto andasse forte. Poi ci sono le testimonianze, che purtroppo divergono. C’è chi dice che le ragazze avessero attraversato sulle strisce pedonali. Un’altra testimonianza invece sostiene che avessero scavalcato il guardrail in un luogo non consentito e che per giunta nel buio non si potevano vedere.

Moltissimi gli elementi da valutare

L’11 febbraio scorso i vigili urbani hanno chiuso di notte quella parte di corso Francia, che è un’arteria ad alto scorrimento nella zona nord di Roma. Per consentire ai periti di ricreare tutte le condizioni di quella maledetta notte e per fare verifiche e perizie. E’ stata anche ricostruita la scena dei fatti in 3D. Ora, per stabilire le singole responsabilità, occorrerà fare dei calcoli, delle altre ricostruzioni. Insomma, gli elementi da valutare saranno moltissimi.

 

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *