Grillini alla frutta. Ora litigano anche sull’acqua potabile

Il Movimento 5 Stelle a Roma sembra davvero non trovare pace. E si mette a litigare anche quando potrebbe strappare qualche consenso. Merce rara di questi tempi. È quanto sta accadendo per una vicenda legata a un quartiere a sud di Roma, tra la Laurentina e l’Ardeatina. L’insediamento che prende il nome di Monte Migliore è anche moto per non aver potuto usufruire finora dell’acqua potabile. Per la mancanza di condutture, non realizzate all’atto della lottizzazione. Si tratta di un investimento importante a carico di Acea, per circa 3,6 milioni di euro. Per quasi sei chilometri di nuova condotta idrica. Se ne parlava da anni, e si erano tenute diverse riunioni a livello di dipartimento urbanistica. E di assessorato ai lavori pubblici di Roma Capitale. Ma la questione era rimasta impantanata, anche per la presenza di diversi allacci abusivi. Che avevano spinto Acea a chiedere ulteriori approfondimenti. Poi la svolta, i primi di ottobre. Con la delibera che finalmente andava in giunta. Tutto bene allora? Neanche per sogno. Perché a comunicare il successo dell’iniziativa ci ha pensato la neo delegata alle periferie della Raggi Federica Angeli. Che però è entrata in carica il 23 ottobre, 15 giorni dopo la risoluzione del problema. Così il suo comunicato su Facebook e il ringraziamento del comitato di quartiere hanno sollevato un vespaio di polemiche. A dimostrazione che nel mondo grillino il fuoco cova sotto la cenere.

 

Federica Angeli, l’acqua a Monte Migliore un successo di squadra. Ma la presidente della commissione lavori pubblici la zittisce

Aver portato l’acqua pubblica a Monte Migliore è un successo di tutta la squadra. Queste le parole della delegata alle periferie Federica Angeli. Rivolte in primo luogo alla sindaca Raggi e all’assessore ai lavori pubblici Meleo. Dichiarazioni alle quali ha fatto eco un primo comunicato della presidente del comitato di quartiere Cinque Colline Lorella Seri. Federica Angeli è venuta sul posto diverse volte, aveva dichiarato ingenuamente la cittadina entusiasta. E ha risolto in poco tempo tutta la questione facendo approvare il progetto. Peccato però che la presidente della commissione lavori pubblici Alessandra Agnello si sia risentita. Ci stavamo lavorando da tempo, e ora siamo arrivati alla conclusione dell’iter. In una riunione che si è tenuta il 7 di ottobre. Se c’era la delegata alle periferie Federica Angeli? No, ha concluso la consigliera stizzita. Anche perchè lei è stata nominata dalla Raggi solo il 23 ottobre. Insomma, un pasticcio diplomatico. E i panni sporchi non sono rimasto dentro casa. Tanto che la stessa presidente del comitato è ritornata sui suoi passi. Non pensavo che il mio comunicato avrebbe creato tutto questo clamore, ha chiosato Lorella Seri. Io l’ho scritto di getto. Ho citato Federica Angeli perché è venuta qui due volte, a fine ottobre e di nuovo il 12 novembre. Ma dico grazie anche a Fratelli d’Italia, che ha segnalato la situazione di via Strampelli alla presidente della commissione lavori pubblici Alessandra Agnello.

Insomma, tra chiarimenti e distinguo anche l’approvazione del progetto per portare l’acqua corrente in una periferia romana che ne era sprovvista è diventato terreno di scontro politico. E non osiamo immaginate cosa succederà quando partiranno effettivamente i lavori.

https://www.romatoday.it/politica/acqua-monte-migliore-polemica-angeli-agnello.html

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *