Guerriglia in autostrada tra tifosi della Roma e del Napoli: chiusa la A1

scontri tifosi A1

Un ultras giallorosso è rimasto ferito nei violenti scontri tra tifosi della Roma e del Napoli avvenuti in A1, all’altezza dell’area di servizio di Badia Al Pino. L’uomo è stato soccorso e portato all’ospedale di Arezzo.

Secondo quanto si è appreso dalla Questura di Arezzo all’origine degli scontri lungo l’A1 nell’Aretino, all’altezza dell’area di servizio di Badia al Pino est, l’agguato teso da un gruppo di ultrà del Napoli ai romanisti in transito per raggiungere Milano: ne è nato poi un lancio reciproco di sassi e lacrimogeni. La polizia, per scongiurare ulteriori situazioni di pericolo, ha bloccato anche il traffico autostradale, da poco ripreso. In corso l’identificazione di tifosi romanisti e napoletani.

Salvini: “Mai più allo stadio e paghino i danni”

“Questi non sono tifosi. Autostrada chiusa e viaggiatori italiani bloccati? Paghino tutti i danni di tasca loro, e mai più allo stadio”. E’ il commento del vicepremier e ministro dei Trasporti Matteo Salvini su Twitter alla notizia degli scontri tra tifosi della Roma e del Napoli in un’area di servizio Badia Al Pino sulla A1 e della conseguente chiusura dell’autostrada all’altezza di Arezzo.

Scontri tra tifosi a Badia al Pino sulla A1

A quanto riferiscono fonti della Polizia, all’interno dell’area di servizio di Badia al Pino, direzione nord, erano presenti minivan con tifosi del Napoli diretti a Genova dove la squadra campana alle 18 giocherà contro la Sampdoria.

Gli scontri sono avvenuti proprio a ridosso dell’area di servizio dove venne ucciso Gabriele Sandri, pure lui tifoso ma della Lazio, ucciso l’11 novembre 2007 dall’agente Luigi Spaccarotella che sparò un colpo di pistola a seguito di alcuni tafferugli tra tifoserie. Lo scontro tra le due parti, 150 ragazzi per parte, è talmente violento che gli agenti della Polstrada già impegnati a presidiare l’intero tratto autostradale, sono costretti a chiudere tra Monte San Savino e Arezzo. Ad avere la peggio un tifoso romanista, portato all’ospedale di Arezzo per le ferite riportate.

Nell’area stazionavano pattuglie di Polizia stradale e carabinieri che hanno chiuso l’accesso alla zona. Sull’autostrada sono transitati quindi veicoli con tifosi della Roma, diretti a Milano per la partita di stasera contro il Milan. I tifosi napoletani, dall’area di servizio, avrebbero quindi lanciato oggetti contro le macchine dei romanisti in transito. Questi ultimi si sarebbero fermati in autostrada per rispondere ai lanci e sono scoppiati dei tafferugli.

Per approfondire