I contagi non aspettano l’autunno per risalire: oggi 3.558 casi

bollettino covid lazio (2)

Sono 3.558 i nuovi contagi da Covid in Italia (ieri 2.072), secondo i dati del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 10 morti (ieri 7) che portano a 127.884 il totale delle vittime da inizio emergenza. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 218.705 tamponi, con un tasso di positività che si riduce al 1,6% (ieri 2,3%).

Aumentano i ricoveri in ospedale

In aumento le persone ricoverate in ospedale con sintomi che sono 1.194 (ieri 1.188), con un aumento di 6 persone rispetto a ieri, mentre sono 165 i ricoverati in terapia intensiva (+3 rispetto a ieri), con 11 ingressi nelle ultime 24 ore. Sono 4.115.889 i guariti (+1760 ) e 49.310 gli attualmente positivi (+1.785 ).

Anche nel Lazio aumentano i contagi

Oggi nel Lazio “su oltre 11mila tamponi e oltre 21mila antigenici per un totale di quasi 33mila test, si registrano 681 nuovi casi positivi (+247), 1 decesso (dato stabile), i ricoverati sono 133 (+3), le terapie intensive sono 28 (-1), i guariti sono 212. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 5,9% ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende allo 2%. I casi a Roma città sono a quota 557”. Lo sottolinea l’assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato nel bollettino al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19. Nelle province si registrano 47 nuovi casi e si registra 1 decesso nelle ultime 24 ore.

Indispensabile vaccinare le fasce più giovani

Nel Lazio “per l’obiettivo dell’immunità di gregge è indispensabile vaccinare le fasce di popolazione più giovani. Prima settimana di agosto confermo 70% popolazione adulta vaccinata con doppia dose”. Lo sottolinea l’assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato nel bollettino al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù.

Per approfondire