I primi vaccinati si raccontano. 130 allo Spallanzani, 955 nel Lazio

Emozione, forse anche un po’ di paura. Ma sicuramente l’orgoglio di fare da apripista. Per una campagna vaccinale in Italia e in Europa sulla quale si ripongono in pratica tutte le speranze future. Per tornare tra pochi mesi a condurre una vita normale. E per sconfiggere il mostro conosciuto come covid 19. Altri Paesi hanno già iniziato qualche settimana prima, come la Russia, Israele e gli USA ad esempio. Ma l’Ema (Agenzia europea per il farmaco ndr) ha voluto essere prudente. Così il via libera è arrivato il 26 dicembre per il vaccino della Pfizer. Il 6 gennaio invece è atteso l’ok per il siero della Moderna, e successivamente per quello dell’Astra Zeneca. Che nel Regno Unito è già in distribuzione. In ogni caso la buona notizia è che finalmente si parte. E non è un caso che i primi cinque vaccinati, quattro donne e un uomo, siano proprio sanitari dello Spallanzani. Dove tutto è cominciato, almeno nella nostra Regione.  Con il ricovero della coppia. cinese poi guarita.

Ecco i fantastici cinque vaccinati allo Spallanzani. A loro le prime dosi del siero

Ed eccoli i fantastici cinque. Cominciando dall’infermiera Claudia Alivernini, la giovane 29 enne che ha battezzato la sua scelta di vaccinarsi come un atto d’amore. Oltre a lei al nosocomio epidemiologico altri quattro colleghi  sono stati vaccinati: le dottoresse Alessandra D’Abramo e Alessandra Vergori, la professoressa Maria Rosaria Capobianchi (tra i medici che isolarono il virus) e l’operatore sanitario Omar Altobelli.

Vaccinazioni che sono poi proseguite nel corso di domenica. A fine giornata sono stati 130 le dosi somministrate al personale sanitario dell’Istituto e alle unità mobili USCAR fra cui una intera famiglia di medici marito, moglie e figlia. Si tratta della famiglia Magnanelli che ha aderito alle unità mobili sin dalla loro costituzione.

https://www.romatoday.it/attualita/coronavirus-roma-chi-e-stato-vaccinato.html

Il primo step del piano di vaccinazione a Roma e nel Lazio

Il Piano vaccinazione nel Lazio riprende oggi, lunedì 28 dicembre. Ed è la volta dei primi operatori sanitari della Asl Roma 1, Asl Roma 2, Asl Roma 3, Policlinico Umberto I, Azienda Ospedaliera Sant’Andrea, Policlinico Tor Vergata, Policlinico Gemelli, Campus Biomedico e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Le ulteriori dosi invece andranno in provincia. Sempre da oggi i vaccini saranno somministrati dunque nell’Asl di Rieti (40 dosi), Asl di Viterbo (40 dosi), Asl Roma 1 (80 dosi), Asl Roma 2 (80 dosi), Asl Roma 3 (50 dosi), Campus Bio-medico (20 dosi), Gemelli (50 dosi), ospedale pediatrico Bambino Gesù (30 dosi), Tor Vergata (30 dosi), Umberto I (50 dosi) e Sant’Andrea (20 dosi). il 29 dicembre all’Ifo (30 dosi), San Camillo (50 dosi), San Giovanni (40 dosi), Asl di Frosinone (40 dosi), Asl di Latina (40 dosi), Asl Roma 4 (40 dosi), Asl Roma 5 (40 dosi), Asl Roma 6 (40 dosi) e Ares 118 (15 dosi). Fino a terminare le prime 955 fiale disponibili. In attesa di l’autore con altri numeri fin dall’inizio del mese di gennaio.

https://www.romatoday.it/attualita/video-coronavirus-parlano-i-cinque-vaccinati.html

 

 

 

 

Per approfondire