Il petrolio è sceso del 25% ma i prezzi alla pompa aumentano: esposto del Codacons contro le speculazioni

rincaro carburanti (2)

Sui prezzi dei carburanti parte una nuova offensiva legale del Codacons, che chiama in causa l’Antitrust chiedendo di aprire una istruttoria per la possibile fattispecie di intesa anticoncorrenziale. E così dopo la denuncia a Procure e Guardia di Finanza, l’associazione dei consumatori presenterà domani un formale esposto all’Antitrust. Si chiederà di aprire una pratica per possibile cartello anticoncorrenza nel settore dei carburanti. Quindi di acquisire presso tutti gli operatori della filiera la documentazione utile a capire se siano in atto manovre speculative. Tese a far salire in modo ingiustificato i listini alla pompa. “Vogliamo capire se all’interno della filiera dei carburanti ci siano cartelli, accordi o altre strategie vietate dalla legge tese a far salire immotivatamente i listini di benzina e gasolio alla pompa – spiega il Codacons –.

Il Codacons: l’incremento non è in linea con il prezzo del greggio

Al netto dell’aumento delle accise deciso dal Governo che non ha prorogato lo sconto di 18,3 centesimi, l’incremento dei prezzi registrato negli ultimi giorni presso i distributori di tutta Italia sembra non rispondere all’andamento delle quotazioni petrolifere”. Il Codacons infatti osserva che prendendo in esame solo le ultime settimane, si scopre che il Brent in due mesi ha subito un deprezzamento del -25,5%. Passando dai 99 dollari al barile del 7 novembre 2022 agli attuali 73,7 dollari. Situazione analoga per il Wti, che passa dai 92,5 dollari al barile di novembre ai 78,6 dollari di oggi (-15%). Anche rispetto al 30 dicembre 2022, ultimo giorno di rilevazioni per l’anno passato, quando il petrolio chiuse a 80,26 dollari al barile, le quotazioni sono in calo del -8,2%.

Il governo eviti gli aumenti eccessivi dei prezzi

“Chiediamo al Governo di estendere gli ambiti di applicazione della legge 231 del 2005 che vieta gli aumenti eccessivi dei prezzi al dettaglio nel settore agroalimentare. Introducendo lo stesso principio anche al comparto dei carburanti e definendo in modo certo e preciso il prezzo anomalo. Ossia la percentuale massima di aumento dei listini oltre la quale scatta l’illecito sanzionabile in base alle leggi dello Stato”, dichiara il presidente Carlo Rienzi.

Il Codacons invita i consumatori a segnalare i distributori più cari

“Abbiamo deciso inoltre di lanciare un boicottaggio nazionale dei distributori più cari, invitando gli automobilisti italiani a verificare i prezzi sul proprio territorio. Anche attraverso le apposite app che segnalano i gestori più convenienti, e a non fare rifornimento presso le pompe che applicano prezzi eccessivi. Al tempo stesso chiediamo ai consumatori di inviarci le foto dei distributori che praticano per benzina o gasolio prezzi superiori ai 2 euro al litro. Per le segnalazioni del caso alle autorità competenti”, aggiunge Rienzi. Tutti gli interessati possono inviare una mail all’indirizzo info@codacons.it, indicando l’ubicazione dei distributori e allegando una foto dei prezzi praticati.

Per approfondire