Influencer vendevano prodotti on line ma erano contratti. In manette la coppia social

Due coniugi romani che, mediante piattaforme online, commercializzavano merce contraffatta sono stati arrestati dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari emessa del Gip presso il locale Tribunale, a seguito di richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica di Roma.

Le vendite social

Monitorando i social network, le Fiamme Gialle del primo Nucleo Operativo Metropolitano di Roma si sono imbattute in alcuni annunci di vendita di orologi, capi di abbigliamento e accessori per la telefonia, presumibilmente contraffatti, di note case produttrici. Gli approfondimenti, anche di natura tecnica, hanno consentito di scoprire l’esistenza di un ingente traffico da parte della coppia, già nota per fatti analoghi avvenuti in anni recenti. L’attività illecita, stando ai movimenti rilevati dai loro rapporti bancari e postali, avrebbe generato profitti per oltre 400.000 euro.

Le indagini

Nel corso delle indagini, sono stati complessivamente sequestrati numerosi capi e accessori di abbigliamento recanti marchi falsificati. Gli elementi raccolti hanno permesso alla Procura della Repubblica capitolina di ottenere dal Gip le misure cautelari degli arresti domiciliari e del sequestro preventivo, mediante oscuramento, di 7 account Instagram e TikTok, nonché di gruppi Facebook. I due sono accusati delle ipotesi di reato di commercio di merce contraffatta. L’operazione si inquadra nella più ampia azione svolta dalla Guardia di Finanza della Capitale a contrasto del fenomeno della contraffazione che altera le regole di concorrenza del mercato in danno dell’economia sana e degli imprenditori onesti.

Per approfondire