Israele inchioda l’Onu alle sue responsabilità: trovata centrale di Hamas sotto la sede Unrwa

unrwa hamas

Le Forze di difesa israeliana (Idf) trovano un centro per l’intelligence di Hamas sotto il quartier generale dell’Unrwa, l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di assistere i rifugiati palestinesi, nel quartiere Rimal di Gaza City. Qui l’Idf aveva già smantellato un battaglione locale di Hamas. Al momento della prima offensiva di terra a Gaza City, i militari non avevano trovato né sapevano molto del data center di Hamas. Si è riusciti a individuare il luogo dove scavare per venti metri grazie alle informazioni ottenute attraverso gli interrogatori dello Shin Bet ai terroristi catturati. Sotto l’Unrwa, insomma, il gruppo terroristico Hamas nascondeva una delle sue risorse più significative.

Data la presenza dell’Onu, Israele inizialmente non sospettava del tunnel

Il data center sotterraneo – completo di sala elettrica, batterie industriali e alloggi per i terroristi di Hamas che gestiscono i server dei computer – costruito esattamente nel punto in cui Israele inizialmente non avrebbe pensato di guardare. La rivelazione della server farm arriva in mezzo ad altre accuse di collusione dell’Unrwa con il gruppo terroristico al potere a Gaza e di coinvolgimento dell’organismo delle Nazioni Unite che fornisce servizi assistenziali e umanitari ai rifugiati palestinesi delle guerre del 1948 e del 1967 e ai loro discendenti. Il mese scorso Israele ha accusato 12 membri dell’Agenzia Onu di aver partecipato al massacro del 7 ottobre di Hamas, che hanno ucciso 1.200 persone e preso 253 ostaggi nella loro furia omicida.

La sede Unrwa in un lussuoso quartiere di Gaza

Da quando le accuse sono diventate pubbliche alla fine del mese scorso, l’Unrwa vede molti dei suoi principali Paesi donatori annunciare il congelamento dei finanziamenti, facendo temere che l’agenzia potrebbe smettere di operare a Gaza e in altre parti del Medio Oriente entro poche settimane. Il quartier generale dell’Unrwa a Gaza si trova nel lussuoso quartiere Rimal di Gaza City, un’area in cui l’Idf aveva precedentemente operato, smantellato il battaglione locale di Hamas e da cui aveva poi ritirato le sue truppe. “Quando siamo stati qui l’ultima volta abbiamo raccolto molti documenti e reperti dell’intelligence, molti prigionieri, e grazie a questo siamo arrivati ​​qui”, dice il comandante della 401a Brigata Corazzata, colonnello Benny Aharon.

Giornalisti accompagnati nel tunnel sotto l’Onu

Il colonnello Nissim Hazan, un alto ufficiale della 401a brigata, afferma che l’ingresso principale del tunnel era situato sotto una scuola dell’Unrwa nella zona. Tuttavia, quando arrivarono le truppe, era stato bloccato da Hamas. Invece, gli ingegneri militari hanno scavato per circa otto metri per trovare la parte meno profonda del passaggio sotterraneo. I giornalisti, accompagnati dalle truppe dell’unità d’élite del genio militare Yahalom, sono entrati nel tunnel scoperto. A causa dell’umidità, con tutti i sistemi di filtraggio dell’aria di Hamas disabilitati, consigliato di togliere i giubbotti antiproiettile prima di intraprendere il viaggio verso il data center.

Il tunnel è lungo circa 700 metri

Il primo tratto del tunnel lungo 700 metri, poche decine di metri con gli archi di cemento caratteristici di Hamas e un pavimento di sabbia, era relativamente insignificante, simile a centinaia di chilometri di passaggi sotterranei che il gruppo terroristico ha costruito attraverso la Striscia di Gaza. Il passaggio aveva diverse altre diramazioni ma per mantenere i giornalisti sulla strada e non perdersi, i soldati avevano posizionato dei bastoncini luminosi al neon sui pavimenti. Il percorso portava a un piccolo foro che, dopo averlo attraversato, rivelava un ampio disimpegno con pavimento, rivestimenti, aria condizionata e corpi illuminanti. Il corridoio era tappezzato di manifesti con il logo dell’ala militare di Hamas, le Brigate Al-Qassam.

Un complesso costoso e perfettamente attrezzato

Lungo il corridoio c’erano diverse stanze, tra cui un angolo cottura, una sala riunioni con sedie da ufficio, due bagni e alloggi con diversi materassi. Tutto pagato con i miliardi di dollari sborsati negli anni dai Paesi donatori, tra cui l’Italia. Sempre nel corridoio, le truppe hanno trovato diversi piccoli scooter per disabili, che si ritiene siano stati utilizzati da Hamas per attraversare facilmente le strutture del tunnel. “Sopra di noi c’è una scuola per bambini dell’Unrwa, ha detto Hazan: anni di lavoro, molta determinazione e risorse.” Dal corridoio principale, un passaggio di 300 metri conduceva al data center e alla sala elettrica. La stanza, con diversi armadi elettrici, inverter di potenza e dozzine di batterie industriali, ora ricoperta da uno spesso strato di fango.

Trovata nella sede Unrwa una grandissima quantità di armi

I funzionari dell’Idf ritengono che Hamas utilizzasse la server farm per la raccolta di informazioni, l’elaborazione dei dati e le comunicazioni. I dischi rigidi e alcuni computer portati in Israele per essere indagati dalle autorità di intelligence prima che il sistema di tunnel sia demolito in una grande esplosione. I giornalisti, passando attraverso il cancello principale, con la scritta Unrwa HQ Gaza, e un edificio vicino con un testo simile in inglese e arabo e con il logo delle Nazioni Unite, raggiungevano il cortile da cui gli ingegneri dell’esercito hanno scavato. Al quartier generale Unrwa, Aharon ha detto che le sue forze hanno trovato diversi depositi di armi appartenenti ad Hamas quando hanno fatto irruzione, dopo che il personale Onu era evacuato.

Il personale dell’Unrwa sapeva benissimo chi stava coprendo

L’Idf ha anche affermato che in alcuni uffici dei funzionari dell’Unrwa le truppe hanno trovato attrezzature e documenti che indicavano “che gli stessi uffici erano utilizzati anche dai terroristi di Hamas”. “Non c’è dubbio che il personale dell’Unrwa sapesse che Hamas stava scavando un enorme tunnel sotto di loro”, ha detto Aharon. “C’è un muro perimetrale, un cancello, telecamere, al cancello registrano chi entra e chi esce. Chiunque lavorasse all’Unrwa sapeva molto bene chi stava arrivando e chi stava coprendo. L’Unrwa fornisce copertura a Hamas, sa esattamente cosa sta succedendo nel sottosuolo, e usa il suo budget per finanziare alcune delle capacità militari di Hamas, questo è certo”, ha detto. Infine, i cavi elettrici che collegavano l’edificio delle Nazioni Unite al tunnel fornivano energia alle infrastrutture sotterranee di Hamas.

Israele non legittimato a colpire una sede Onu, per questo Hamas ci si era installato

Hazan ha detto anche che Hamas “non ha scelto quest’area a caso. Sa che in tempo di pace e nelle guerre precedenti Israele non aveva la legittimità per colpire un edificio dell’Unrwa”. Oltre alle accuse di collusione con Hamas, Israele accusa da tempo l’Unrwa di perpetuare il conflitto israelo-palestinese estendendo lo status di rifugiato a milioni di discendenti di palestinesi che fuggirono o furono costretti a lasciare le loro case nell’odierno Israele al tempo della guerra. creazione dello Stato ebraico nel 1948, invece di limitare tale status solo ai rifugiati originari, come è la norma per la maggior parte delle popolazioni di rifugiati in tutto il mondo.

Il capo dell’Unrwa nega tutto: non lo sapevamo…

“Siamo rimasti scioccati nel profondo della nostra anima dal fatto che un’organizzazione che dovrebbe prendersi cura dei diritti umani stia collaborando in modo così chiaro e brutale, senza alcun timore, con un gruppo terroristico come Hamas”, ha detto Aharon. L’Unrwa non ha risposto immediatamente alle richieste di commento. In un tweet successivo alla pubblicazione, il capo dell’agenzia Philippe Lazzarini ha negato di essere a conoscenza del data center di Hamas.

(Foto e fonti: Times of Israel)

Per approfondire