La Cisl Medici furiosa con la Pisana: tratta solo con i sindacati “amici”

cisl medici

Cisl Medici sul piede di guerra. La Regione Lazio non ascolta tutte le rappresentanze sindacati dei medici. Anzi, ne ascolta solo una, quella politicamente più vicino, forse. In un comunicato, la Cisl Medici Lazio fa alcune osservazioni al riguardo. “Si apprende dagli organi di stampa che l’11 maggio si è riunito in regione un tavolo tecnico che ha visto tra i partecipanti il segretario di una organizzazione sindacale rappresentativa dei medici specialisti ambulatoriali. Un solo sindacato. Chiediamo pertanto all’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato se il rappresentante di questa organizzazione sindacale ha partecipato ai lavori del tavolo tecnico nella sua qualità di segretario della stessa oppure di presidente pro tempore dell’Ordine dei Medici di Roma e Provincia.

La Cisl: perché la Regione non invita tutti?

La partecipazione come presidente pro tempore dell’Ordine è infatti atto dovuto in veste istituzionale almeno finché si ricopre questa carica che è su base elettiva. La partecipazione invece in qualità di segretario di un sindacato fa sorgere alcuni quesiti”. Lo osserva sempre la Cisl medici che prosegue. “Perché non sono state invitate le altre organizzazioni sindacali firmatarie dell’Accordo collettivo nazionale della Specialistica? Apprendiamo poi che si è ipotizzata la riapertura il prossimo 25 maggio delle attività ambulatoriali territoriali e ospedaliere. E allora perché non sono state invitate, almeno in questa occasione, le organizzazioni sindacali della dirigenza medica firmatarie del Ccnl? E’ stata definita anche la contestuale ripresa della attività intramoenia bloccata anche questa in corso di emergenza Covid?”

Confronto sempre con i soliti noti

E ancora: “Perché nonostante ripetute sollecitazioni formali, datate sin da ottobre 2019, l’assessorato alla Sanità del Lazio continua a privilegiare il confronto sempre ed esclusivamente con un’unica organizzazione sindacale? La quale è pur vero essere maggioritaria nella specialistica ambulatoriale ma non rappresenta i dirigenti medici dipendenti. Perché infine anche questa volta noi della Cisl Medici siamo sicuri di vincere scommettendo che non riceveremo risposte concrete ma al più una stizzita dichiarazione che il confronto c’è (c’è stato e ci sarà sempre ma esclusivamente con i soliti noti)?” Ora la palla passa alla Regione Lazio. Che cosa avrà da dire?

(foto Agorà)

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *