La Roma riparte. Dopo il Lecce ora c’è il Gent per gli ottavi di Europa League

Gent atteso da Dzeko

Con il Gent la Roma ripartira’ dal Lecce. La prova dei giallorossi capitolini contro i salentini è stata finalmente di buon livello. Non tanto per i quattro goal segnati, che comunque fanno morale e classifica. O per le venti conclusioni in attacco, che sono sintomo di salute ritrovata e voglia di lasciarsi il periodo buio alle spalle. Ma soprattutto per lo zero nella casella reti subite. Non succedeva da molto tempo, finalmente domenica la difesa della Roma non ha ballato come nelle ultime uscite. Merito di uno Smalling monumentale, certo. Da sette e mezzo in pagella nella media dei maggiori quotidiani sportivi. Ma anche di un centrocampo che ha fatto filtro e di una compattezza di squadra ritrovata. Ora serve la continuità, così almeno spera la gente giallorossa.

La Roma riparte

Si riparte allora dalla rotonda vittoria contro il Lecce, ma non c’è tempo per rilassarsi,  la corsa champions è ancora molto complicata. L’Atalanta ha tre punti in più e una partita da recuperare. Quella non giocata domenica per l’emergenza coronavirus che in Lombardia sta facendo guai seri. Rimanendo al calcio, andare avanti in Europa League significa parecchio. Più soldi per la società, un asset migliore per Pallotta che dovrebbe vendere e per il Tycoon Friedkin che dovrebbe acquistare. E la possibilità in caso di vitoria finale di rientrare nell’Europa dei campioni anche in caso di mancato aggancio al quarto posto in campionato.

Attenti al Gent

Il ritorno in Belgio ad Handover è fissato per giovedì sera alle 18.55. Il Gent è secondo in classifica nel suo campionato, non è impenetrabile in difesa ma gioca un calcio offensivo e va spesso in goal. L’1 a 0 dell’andata è sicuramente prezioso, ma alla Roma non basterà fare una partita esclusivamente di attesa. Sarebbe un errore imperdonabile, e poi il gioco voluto dal tecnico Paulo Fonseca non lo consente. Ci vorranno coraggio, spirito di squadra e grandissima concentrazione per uscire dalla Ghelamco Arena con in tasca il biglietto per gli ottavi di finale. Il tecnico dei belgi, mister Thorup nelle conferenze stampa di rito si dimostra sicuro del fatto suo. All’andata ci è mancato solo il goal, dichiara. Per lui la qualificazione è ancora completamente aperta. Incrociamo le dita, ma è difficile dargli torto.

Così la sfida con il Gent

La formazione che metterà in campo Paulo Fonseca giovedì sera in Belgio dovrebbe essere leggermente diversa da quella che ha strapazzato il Lecce domenica scorsa all’Olimpico. Spinazzola potrebbe ritrovare il posto a destra in difesa, mentre a sinistra sarà confermatissimo Kolarov fresco di goal contro i salentini. Smalling e Mancini al centro della difesa, Veretout e Cristante a fare muro a centrocampo e Lorenzo Pellegrini a illuminare la trequarti dietro al bomber Edin Dzeko. A proposito di Pellegrini uscito contro il Lecce per affaticamento muscolare alla fine del primo tempo, le sue condizioni non destano nessuna preoccupazione. Sulle fasce si rivedrà dal primo minuto a destra Carlez Peres, anche se Under domenica scorsa ha segnato e giocato un’ottima gara. A sinistra spazio per Kluivert, che nell’ultima di campionato ha giocato solo venticinque minuti. Un po’ di turnover è d’obbligo quando gli impegni sono tanti. Anche perchè poi alla ripresa di serie A sarà subito Cagliari, e la squadra di Maran di certo non farà sconti a nessuno.

 

Per approfondire