Lampedusa, altri due morti. Il sindaco: “Aiuto, duemila arrivi e tre morti solo da inizio anno”

clandestini lampedusa (2)

L’ennesimo naufragio costato la vita a due persone, un uomo e un bimbo di un anno, è avvenuto a circa 35 miglia da Lampedusa. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il barchino su cui viaggiano una quarantina di persone si è ribaltato, affondando, e tutti i clandestini sono finiti in acqua. Gli equipaggi di due motopesca tunisini hanno recuperato i naufraghi dal mare. In sei, tra cui le due vittime, sono stati trasbordati su una motovedetta della Capitaneria di porto e sono giunti al molo Favaloro. Per gli altri 30 circa che si trovano sul secondo peschereccio è in corso un intervento congiunto. A bordo delle motovedette della Guardia di finanza e della Guardia costiera giungeranno sull’isola in queste ore.

La Procura di Agrigento indaga per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

La Procura di Agrigento ha aperto un fascicolo d’inchiesta, a carico di ignoti, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte quale conseguenza di altro reato. In appena 24 ore la più grande delle Pelagie ha accolto tre morti. Ieri, infatti, il cadavere di un uomo in avanzato stato di decomposizione era stato avvistato in acqua dai carabinieri nei pressi della scogliera di Cala Uccello. Sul posto per il recupero una motovedetta delle Fiamme gialle e i vigili del fuoco.

Il sindaco: siamo in guerra, ma tutti la ignorano”

“Siamo in guerra, una guerra silenziosa che molti ignorano o fanno finta di ignorare. Mentre si lavora per risolvere il problema in alto mare, la realtà ci dice che a Lampedusa arrivano sempre più persone disperate e si contano sempre più morti”. A dirlo è il sindaco di Lampedusa, Filippo Mannino, dopo l’ennesimo naufragio avvenuto al largo dell’isola. “Serve una politica concreta, che aiuti la nostra isola a gestire questa immensa tragedia, con risorse concrete e poteri speciali”, aggiunge. “Siamo disperati. Non ce la facciamo più, siamo ad appena al 6 gennaio e ho già dovuto contare 3 morti, e oltre 2000 arrivi.

“Piantedosi venga a stare 24 ore con me”

Con questi ritmi, con questi numeri da capogiro anche in pieno inverno, non so fino a quando riusciremo a fronteggiare tutto ciò”. Lo dice il sindaco di Lampedusa, dopo l’ennesimo naufragio avvenuto nelle acque antistanti l’isola. Due le vittime tra cui un neonato, un altro neonato, invece, è stato salvato. “Il ministro dell’Interno Piantedosi venga a Lampedusa, stia 24 ore con me. Forse così si renderà conto della enormità del problema e proporrà al Governo soluzioni serie”.

Per approfondire