Lega all’attacco, dai tamponi di Zingaretti ai cinghiali della Raggi (video)

Lega all’attacco del governatore del Lazio Zingaretti e della sindaca di Roma Virginia Raggi. Il partito di Matteo Salvini scalda i motori e punta l’indice contro le tante cose che non vanno nei nostri territori. E lo fa con due esponenti di punta del movimento, il consigliere regionale Daniele Giannini e il capogruppo in Campidoglio Maurizio Politi. Ed è proprio Giannini a portare il primo affondo, sul tema delicatissimo dei tamponi. Effettuati nei drive in predisposti dalla Regione Lazio, per verificare se qualcuno di rientro dalle località vacanziere più a rischio abbia contratto il terribile virus covid 19. A cominciare da quei tantissimi giovani che nelle notti breve in Costa Smeralda si sono beccati l’infezione. E che per la maggior parte sono asintomatici. Con il rischio quindi di diffondere la pandemia in famiglia e tra gli amici. Il governatore del Lazio e l’assessore alla sanità Alessio D’Amato hanno promesso interventi immediati con tempi di risposta rapidissimi ai tamponi. Ma non tutto è andato per il verso giusto, visto che molti hanno dovuto aspettare diversi giorni per poter effettuare l’esame. E proprio sul funzionamento dei drive in si è concentrata l’ispezione di Daniele Giannini.

Tamponi, la Regione Lazio è una vergogna nazionale: file di ore sotto al sole

Giannini (Lega), grazie grazie e ancora grazie ai nostri Eroi infermieri che fanno i tamponi nei drive in

Mi sono recato personalmente a vedere come funzionano i drive in sanitari. Quei presidi dove i nostri infermieri e il personale della Asl stanno facendo in queste ore migliaia di tamponi. A tantissimi cittadini di rientro dalle vacanze. Un impegno enorme, con numeri da capogiro e turni massacranti. Per questo ancora una volta voglio dire grazie. Grazie e ancora grazie ai nostri Eroi. Che sono certamente tutti loro. In prima linea a rischiare per difendere la nostra salute. Questa la sintesi del pensiero del consigliere regionale della Lega Daniele Giannini. Che quindi ha voluto distinguere. Tra le tante cose che non vanno nell’amministrazione zingaretti e l’impegno commovente del personale sanitario. Che continua oltre ogni ostacolo.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1378069829060490&id=100005724575986

E in città si fanno le passeggiate in famiglia. Peccato che si tratti di cinghiali 

E mentre la Regione Lazio è alle prese con l’emergenza sanitaria, a Roma il decoro urbano sembra essere completamente smarrito. Lo denuncia il capogruppo del Carroccio in comune Maurizio Politi. Che la butta sull’ironia, con un video divertente. Le nuove passeggiate familiari per le strade della Capitale. Peccato che la famigliola ripresa dallo smartphone sia una allegra brigata di cinghiali. A spasso per la strada, in una scenetta che ormai sta diventando familiare in tante zone della città. Animali simpatici i cinghiali, certo. Ma vederli così allo stato brado come in una qualunque favela del terzo mondo fa riflettere. Su quanto siamo caduti in basso in questi anni. La Raggi continui pure a fare i suoi post, ha chiosato Politi. Con i quali si incensa per aver riparato un ascensore o pulito una scala. Ma la realtà è un’altra, e i Romani purtroppo hanno imparato a conoscerla fin troppo bene.

Le nuove passeggiate familiari per le strade della Capitale….Virginia Raggi non preoccuparti, puoi continuare a fare post con i quali ti incensi per aver riparato un ascensore o pultito una scala.

Pubblicato da Maurizio Politi su Martedì 25 agosto 2020

 

Per approfondire