L’orco era un insospettabile giudice del tribunale dei minori: ecco come adescava le bambine sul web

giudice orco, minori

Un giudice onorario del tribunale dei minori di Napoli è stato condannato a dieci mesi e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici con l’accusa di aver adescato alcune bambine attraverso la chat di un social network. A emettere la sentenza è stato il tribunale monocratico di Roma, competente territorialmente. Secondo quanto emerso dalle indagini, tra il 2016 e il 2017 l’uomo, servendosi di un account fittizio e di altre utenze, avviava conversazioni con bambine con contenuti sessualmente espliciti. I contatti erano quotidiani, una media di 9 al giorno, per un totale di quasi ventimila messaggi.

L’orco era un giudice onorario del tribunale dei minori

“Quando siamo venuti a conoscenza di tale condotta abbiamo valutato approfonditamente quanto in nostro possesso e abbiamo deciso di costituirci parte civile al processo perché combattiamo la pedofilia da 25 anni e lo facciamo con ancora più forza quando a macchiarsi di questo reato sia un soggetto che dovrebbe proteggere i bambini e non importunarli – dichiara Roberto Mirabile presidente della onlus La Caramella Buona –. Grazie al lavoro del nostro avvocato Monica Nassisi siamo riusciti a confermare con forza il quadro accusatorio e il giudice ha condannato l’imputato nonostante il Pubblico Ministero ne avesse richiesto l’assoluzione”.

Caramella Buona: la Onlus contro la pedofilia

La Caramella Buona è un’organizzazione non profit ONLUS di diritto, ai sensi della Legge 266/91 e dell’art. 10 c. 8 D. Lgs. 460/97 e successive modifiche.
Fondata il 14 gennaio del 1997 da Roberto Mirabile, suo presidente, con atto notarile del notaio Giovanni Gianluca Aricò. Il presidente onorario è l’Avvocato Nino Marazzita e il direttore scientifico / vice presidente la criminologa dott.ssa Roberta Bruzzone.
Ha sede nazionale e legale a Reggio Emilia, sedi ad Acuto (FR) e Milano. In Emilia e nel Lazio sono operative le Case Buone.
Attualmente l’Associazione ha oltre 30mila sostenitori in Italia e la struttura organizzativa è composta da una ventina di collaboratori e una decina di professionisti altamente qualificati in diversi settori (tutela legale, criminologia, psicologia, investigazioni, formazione …).
Dal 2003 l’Associazione è riconosciuta Parte Civile ed esercita la Tutela della Parte Lesa nei maggiori processi penali nei Tribunali italiani: procedimenti tutti vinti, a carico di sex offender (pedofili e stupratori) ottenendo la condanna al carcere degli imputati. Attualmente La Caramella Buona Onlus ha ottenuto un totale di 160 anni di condanne al carcere + 1 ergastolo, nei procedimenti seguiti direttamente dai propri avvocati.

Per approfondire