Ma quale ripresa? 300mila imprese hanno chiuso, persi un milione di posti di lavoro

ripresa posti di lavoro

“Le cifre ufficiali dicono che nell’ultimo anno in Italia sono fallite 300mila piccole imprese ed è andato perso un milione di posti di lavoro. E tra i comparti più colpiti, a causa di irragionevoli provvedimenti del governo centrale, c’è l’Horeca – ristoranti, pub, bar, pizzerie, cocktail bar – trainante per il Paese. Non solo. I costi delle materie prime sono schizzati in alto, alcuni addirittura raddoppiati, la benzina è a livelli mai visti nella storia di questo Paese, le bollette stanno aumentando con percentuali a due cifre. Gli stipendi, invece, sono sempre i soliti”. E’ quanto dichiara Paolo Bianchini, presidente dell’associazione di categoria Mio Italia, Movimento imprese ospitalità.

Altro che ripresa e Pil in crescita

“È la bastonata finale all’economia italiana quella che si prospetta, questa è la realtà, altro che ripresa e Pil in crescita. ‘Il Re è nudo’, qualcuno deve pur dirlo. Mentre accade tutto questo, i lavoratori vengono tenuti sotto scacco col green pass e nel Paese si paventano i rischi del fascismo a intermittenza, come stranamente avviene in alcuni periodi elettorali topici, quando l’attenzione deve essere distolta. Benvenuti nel Truman show italiano”, conclude Bianchini.

Meloni: dal governo dilapidate risorse

Tesi corroborata anche dalla leader di Fretelli d’Italia Giorgia Meloni. “Vi dicono che va tutto bene, che il pil cresce del 4% di pil. Vorrei vedere, abbiamo perso il 9%, lo scorso anno, il dato peggiore dopo quello dei tre anni della seconda guerra mondiale”. Così Giorgia Meloni, nel corso di una manifestazione a Cisterna di Latina. “Sono state dilapidate le risorse, non credo che in quegli anni si compravano i banchi a rotelle e i monopattini, o si faceva la lotteria degli scontrini”, continua Meloni, riferendosi al governo Conte.

Per approfondire