Madre e figlia morte in casa mummificate: sentito lo Sciamano, ex fidanzato di Luana

donne primavalle

Sentito oggi dagli inquirenti lo sciamano salentino, Shekinà Shekinà, all’anagrafe Paolo Rosafio, ex fidanzato di Luana Costantini, la 54enne trovata morta venerdì scorso assieme alla madre, Elena Bruselles, di 83anni, in un appartamento di Monte Mario. Rosafio è stato rintracciato a Lecce ed è stato ascoltato con l’obbiettivo di chiarire quanto accaduto nell’appartamento di via Giulio Salvadori.

In base a quanto accertato finora, il decesso dell’anziana risalirebbe ad almeno un mese fa, mentre la morte della figlia sarebbe più recente, forse di qualche settimana fa. Costantini era seguace di un movimento occultista attivo sul web e nell’appartamento sarebbe stato trovato materiale compatibile con un rito di magia nera. Anche l’ex fidanzato farebbe parte del gruppo esoterico, ritenuto uno ‘sciamano’ e a lui potrebbero appartenere i vestiti trovati nell’abitazione. Ad allertare le forze dell’ordine era stato il figlio e fratello della due donne che non aveva notizie da giorni di loro.

Lo sciamano e la setta Cubytrix


Paolo Rosafio è conosciuto sui Social come lo sciamano Shekinà Shekinà. Gli accertamenti delle forze dell’ordine ora puntano a capire l’eventuale ruolo nella morte delle due donne dell’ex compagno della 54enne. Il santone salentino mancherebbe dalla Capitale da dicembre dopo aver convissuto con le due donne e, fintanto che è durato il loro legame, i due avrebbero condiviso la passione per l’occultismo e l’appartenenza a una setta chiamata Cubytrix, che conta attività anche su Facebook e TikTok e che sarebbe stata fondata proprio dal salentino.

Per approfondire