Magrebino aggredisce il titolare di un minimarket per una birra. Roma è fuori controllo

Pugni al collo, sul volto e sulla nuca. Una furia. Voleva la birra. E non voleva pagarla.
Un magrebino si è avventato come un pazzo sul proprietario di un minimarket in via san Giovanni in Laterano. Con una violenza inaudita. E tutto per alcune bottiglie di birra. Per quella che è stata una vera e propria aggressione in pieno giorno, a due passi dal Colosseo. Tutto è avvenuto infatti nel primo pomeriggio di giovedì scorso, in una Roma caldissima e ancora orfana di turisti a causa dell’emergenza Coronavirus. E pure dei romani che lavorano negli uffici, ancora semideserti per la proroga dello smartworking decisa dal governo. Una città, la Capitale, ridotta l’ombra di sé stessa. Da scelte scellerate. E ormai fuori controllo sul piano sicurezza. Costretta a fare i conti quotidianamente con gli episodi di violenza da parte degli immigrati lasciati allo sbando dall’amministrazione  comunale e dalle istituzioni centrali.

Follia di un magrebino al minimarket. Pende una birra, non paga e minaccia il commerciante con vetri appuntiti 

Dopo aver mandato in frantumi il vetro del frigorifero, il magrebino fuori controllo ha preso tra le mani una bottiglia di birra, l’ha spaccata e brandendola come un’arma  ha continuato a minacciare con i vetri appuntiti il negoziante. Un bengalese, con regolare licenza e permesso di soggiorno.
Che intimidito da tanta violenza non ha neanche osato opporre resistenza.
L’aggressore ha poi afferrato cinque bottiglie di birra dal frigorifero e si è allontanato dal negozio fuggendo in direzione della Basilica di san Giovanni. Allertati dal bengalese, sul posto sono intervenuti gli uomini del commissariato Celio, diretto da Maria Sironi. I poliziotti, grazie anche all’aiuto dei cittadini che avevano assistito attoniti all’aggressione, sono riusciti a rintracciare l’aggressore. Che ha opposto non poca resistenza. Ma alla fine l’uomo, poi identificato come E.D.S., magrebino, di 38 anni è stato condotto a forza dagli agenti negli uffici di Polizia.
E dopo gli accertamenti di rito è stato arrestato. Adesso dovrà  rispondere di rapina aggravata. E dal Campidoglio ovviamente anche in questo caso neppure una parola. Pensiamo di non sbagliare dicendo che mai nella sua storia la città di Roma era caduta così in basso.

https://www.fanpage.it/roma/lo-massacra-per-rubare-la-birra-ancora-unaggressione-contro-un-commerciante-bengalese/

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *