Malgrado le misure del governo, la corsa del Covid non rallenta

covid contagi coronavirus ospedale (2)

Non rallenta la corsa del Covid in Italia, malgrado le misure del governo. Sono 36.176 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia resi noti oggi secondo il bollettino del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 653 morti che portano il totale a 47.870 dall’inizio dell’emergenza. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 3.712, con un incremento di 42 unità. Da ieri sono stati eseguiti 250.186 tamponi. Nel Lazio la situazione non va meglio. “Oggi su oltre 27mila tamponi (+650) nel Lazio si registrano 2.697 casi positivi (-169), 61 decessi (-19) e +586 guariti. Torna sotto al 10% il rapporto tra i positivi e i tamponi. Aumentano i tamponi, calano i casi positivi e calano i decessi”. Lo afferma l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, al termine della task-force regionale per Covid con i direttori generali di Asl, Aziende ospedaliere, Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Il Covid imperversa anche nel Lazio

“Diminuisce il tempo mediano tra la data di inizio sintomi e la data di diagnosi da 4 a 2 giorni. Bene l’indicatore del totale risorse umane dedicate all’attività di tracciamento”, sintetizza l’assessore. In dettaglio “nella Asl Roma 1 sono 553 i casi nelle ultime 24h, si tratta di casi isolati a domicilio, con link familiare o contatto di un caso già noto. Trentaquattro sono ricoveri. Si registrano diciassette decessi di pazienti con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 656 i casi nelle ultime 24h, si tratta di casi isolati a domicilio, con link familiare o contatto di un paziente già noto. Duecentosettantacinque i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano diciotto decessi di pazienti con patologie.

Difficile la situazione nelle Asl romane

Nella Asl Roma 3 sono 258 i casi nelle ultime 24h, isolati a domicilio o con link familiare o contatti di un caso già noto. Si registrano sei decessi di persone con patologie. Nella Asl Roma 4 sono 59 i casi nelle ultime 24h, isolati a domicilio, con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di un paziente con patologie. Nella Asl Roma 5 sono 253 i casi nelle ultime 24h, isolati a domicilio, con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di pazienti con patologie”.

Colpite le comunità

E ancora: “Nella Asl Roma 6 sono 210 i casi nelle ultime 24h, isolati a domicilio, con link familiare o contatti di un caso già noto. Sono quattordici i casi con link alla comunità Villa San Gaetano a Genzano. Mentre sono quarantuno i casi con link a Rsa Mater Dei di Ariccia e diciannove i casi con link a casa di riposo La Francescana di Anzio. Sono in corso le indagini epidemiologiche. Si registrano quattro decessi di pazienti con patologie”, dice D’Amato.

In provincia il Covid causa 13 decessi

Nelle province si registrano “708 casi e sono tredici i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 183 i nuovi positivi, isolati a domicilio o con link familiare o contatti di un caso già noto”. Si registrano tre decessi di soggetti di 66, 83 e 88 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 337 nuovi casi, isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Nella Asl di Viterbo si registrano 92 nuovi casi, isolati a domicilio, con link familiare o contatto di un caso già noto. Sono quattordici i casi con link a Villa Margherita di Montefiascone dove è in corso l’indagine epidemiologica. “Si registrano cinque decessi di pazienti di 62, 84, 84, 85 e 100 anni con patologie.

Terapie intensive piene al 32 per cento

Nella Asl di Rieti si registrano 96 casi, isolati a domicilio, con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano cinque decessi di pazienti 74, 75, 88, 91 e 91 anni con patologie”, conclude D’Amato. Nel Lazio aumenta il numero dei ricoveri (+47), anche in terapia intensiva (+11), fa sapere ancora D’Amato, al termine dell’odierna videoconferenza. “Il tasso di occupazione dei posti letto totali di terapia intensiva – spiega – è al 32% e quello di area medica per pazienti Covid al 49%. Non bisogna abbassare la guardia, occorre ancora tempo”, sottolinea D’Amato. Sono 75.541 in tutto i casi attualmente positivi nel Lazio, di cui 3.103 ricoverati, a cui si aggiungono 329 pazienti in terapia intensiva e 72.109 in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia, i guariti sono in totale 17.361, i decessi 1.880 e il totale dei casi esaminati è pari a 94.782. .

Per approfondire