Meloni fa il pieno anche a Milano. Ma Letta e il Pd minacciano di non accettare il risultato delle urne

meloni a milano (2)

“In Europa sono preoccupati per il governo Meloni. Con noi la pacchia è finita, ci metteremo a difendere gli interessi nazionali come fanno gli altri Paesi“. Così ieri la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, durante il comizio in piazza del Duomo a Milano. E a chi le chiedeva se sente di essere una minaccia per l’Europa, la leader FdI ha replicato: ”Non è vero, difficilmente potrei essere una minaccia visto che sono presidente di una delle più stabili e forti famiglie europee”, l’Ecr. Ha scelto un look total white Giorgia Meloni per il suo comizio in piazza del Duomo. Gonna plissettata con fili d’argento e un top a mezze maniche, la leader di Fratelli d’Italia è salita sul palco accolta da uno scroscio di applausi. Ai piedi un paio di sandali flat con le borchie, en pendant con degli  orecchini chandelier argentati.

Vergognose minacce di Emiliano e Letta alla Meloni

A incorniciare il palco, di fronte alla libreria Mondadori e a pochi metri dal Museo del Novecento, vasi di rose e gerbere bianche e rosse. In migliaia si sono dati appuntamento in piazza del Duomo per acclamare Meloni, dal pensionato al turista francese, passando per il professionista e lo studente universitario. Un popolo variegato che nonostante il sole cocente ha atteso che Meloni prendesse la parola, indossando magliette blu e bianche sulle quali campeggiava la scritta “Meloni presidente”. Non sono mancate le spillette d’ordinanza, e un tappeto di bandiere tricolori e di Fdi che hanno colorato la piazza. Tra chi applaudiva e chi urlava il nome di Meloni, un coro di “buh” si è levato dal pubblico contro il governatore pugliese Michele Emiliano. Quando la leader di Fdi ha parlato di una campagna elettorale “molto violenta da parte degli avversari”.

Dal Pd atteggiamento irresponsabile

Ma la Meloni è furiosa col Pd e la sua violenza. “Il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dice che il centrodestra dovrà sputare sangue e che non passerà, a prescindere da come andranno le elezioni. Il tutto, tra gli applausi del segretario Pd Letta. Cosa intendono? Che inviteranno i loro militanti alla sovversione delle istituzioni?”. “Vi immaginate cosa sarebbe successo se queste pericolose e violente parole le avesse pronunciate un Presidente di Regione di Fratelli d’Italia? La campagna d’odio portata avanti dalla sinistra sta raggiungendo livelli mai visti prima. Un atteggiamento irresponsabile e indegno di una forza politica democratica. Veramente i nostri media non hanno nulla da dire su questo scempio?”, insiste la presidente di Fratelli d’Italia.

Meloni premier?: “Non mi sono mai tirata indietro”

Anche in Italia una donna premier conservatrice, dopo il 25 settembre? “Sono una che non si è mai tirata indietro. Ho il senso della misura e della responsabilità, so che non è esattamente facile governare l’Italia in un momento come questo, ma non sono mai scappata in vita mia: se gli italiani daranno questa indicazione e il Presidente della Repubblica dovesse accoglierla, farò il mio lavoro come sempre”. Così Giorgia Meloni, leader di Fdi, ospite di ‘Zona bianca’ su Rete 4.
Per approfondire