Meno di duemila contagi, ma i morti risalgono sopra i cento

vaccino

Sono 1.896 i nuovi casi di covid riscontrati oggi in Italia. Nelle ultime 24 ore si registrano altri 102 morti, si risale sopra i cento dopo alcuni giorni. Sono stati effettuati 220.917 tamponi, indice positività scende a 0,85%. Questi i dati del bollettino sui contagi covid reso noto dal ministero della Salute.

Nel Lazio situazione stabile

Oggi nel Lazio, “su oltre 11mila tamponi (+4.243) e oltre 15mila antigenici per un totale di oltre 26mila test, si registrano 139 nuovi casi positivi (-31), i decessi sono 6 (+1), i ricoverati sono 645 (-41). I guariti sono 1.205, le terapie intensive sono 108 (-16). Il rapporto tra positivi e tamponi scende allo 0,5%. I casi a Roma città sono a quota 82”. Nelle province si registrano 22 casi e si registra un decesso nelle ultime 24 ore. Lo sottolinea l’assessore alla Sanità e Integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Negativo generalizzare i rischi del vaccino

“Generalizzare sui rischi del vaccino, AstraZeneca o altro, fa male a tutti. E’ giusto che i medici abbiano informazioni precise perché possano svolgere la delicatissima parte del consenso informato, che è compito esclusivo del medico. E deve ritornare solo al medico”. Ma è importante tenere presente che “il vaccino è lo strumento migliore a nostra disposizione contro il Covid” e serve “sostenere la campagna vaccinale”.

E’ il parere del presidente della Federazione degli Ordini dei medici, (Fnomceo), Filippo Anelli, a commento della lettera di 24 medici vaccinatori volontari di Genova che si sono detti contrari a questa formula che consente la somministrazione sotto i 40 anni del vaccino a vettore virale. “Ai 24 colleghi – spiega Anelli – dico che è compito di ogni medico quello di saper individuare con precisione la popolazione a rischio.

E dico che il vaccino rappresenta, con le conoscenze che abbiamo, lo strumento migliore per tutelare la salute della popolazione, che la cultura del vaccino va in ogni modo sostenuta perché di interesse talmente prioritario per proteggere la popolazione”.

Per approfondire