Minori, 540mila bambini a rischio fame in Italia: e in autunno l’emergenza peggiorerà

minori in italia (2)

La punta dell’iceberg della povertà minorile in Italia è la presenza di quasi 540mila bambini di età inferiore ai 15 anni, ossia minori, che hanno avuto addirittura bisogno di aiuto economico per bere il latte o mangiare. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sulla base dei dati sugli aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead (Fondi di aiuti europei agli indigenti). In riferimento al nuovo rapporto Eurostat sui bambini con meno di sei anni vive in famiglie a rischio di povertà, ovvero con redditi inferiori al 60% di quello medio disponibile.

La situazione si aggraverà in autunno

Si tratta di una situazione destinata ad aggravarsi in autunno con l’aumento dei prezzi alimentari. Il quale costerà in media – precisa la Coldiretti – alle famiglie italiane 564 euro in più solo per la tavola nel 2022. A causa del mix esplosivo dell’aumento dei costi energetici legato alla guerra in Ucraina. E anche del taglio dei raccolti per la siccità che aumenta la dipendenza dall’estero e alimenta i rincari. Una situazione che pesa di più sulle famiglie più povere. Tra le quali ci sono oltre 2,6 milioni di persone. Le quali in Italia sono costrette a far ricorso alle mense dei poveri e molto più frequentemente ai pacchi alimentari. Che, sottolinea la Coldiretti – hanno aiutato tra le categorie più deboli anche 299.890 anziani, 81.963 senza fissa dimora (di età uguale o superiore ai 65 anni) e 31.846 disabili.

Minori, la preziosa esperienza della “Spesa sospesa”

Contro la povertà – conclude la Coldiretti – è cresciuta anche la solidarietà che si è estesa dalle organizzazioni di volontariato alle imprese e ai singoli cittadini. A partire dall’esperienza della “Spesa sospesa” dei mercati contadini di Campagna Amica. Grazie alla quale sono stati raccolti oltre 6 milioni di chili di frutta, verdura, formaggi, salumi, pasta, conserve di pomodoro, farina, vino e olio 100% italiani. Tutti di alta qualità e a chilometri zero, donati ai più bisognosi.

Per approfondire