Orrore a Ostia: rom offre un bambino per fare sesso (video)

ostia rom forze dell'ordine

Agghiacciante storia a Ostia. Ancora non è chiaro se è un dramma della follia o della sordida depravazione. Comunque domenica mattina un giovane rom che teneva per mano un bambino di due anni si è avvicinato a un turista. E gli ha offerto di fare sesso con il bambino in cambio di soldi. Sembra che abbia offerto questa prestazione a diverse persone, ottenendo sempre dei dinieghi, per fortuna. E’ accaduto sul lungomare Vespucci.

Il rom subito bloccato alla polizia

Uno dei potenziali clienti, però, insospettito e inorridito, è entrato nella stabilimento di Ostia Lido del Finanziere e ha raccontato tutto ai militari che si trovavano sul luogo. E’ scattato l’allarme e ci si è messi alla ricerca del rom. Costui, resosi conto che era stato scoperto, ha lasciato il bambino e si è dato alla fuga urlando frasi sconnesse. E’ salito sul tetto di alcune automobili parcheggiate e ha tentato di allontanarsi. Raggiunto, il rom ha dato in escandescenze e si è avventato contro i militari.

Ignota l’identità del bambino

Frattanto, il bambino è stato preso in custodia da agenti del commissariato Ostia Lido ed è stato tranquillizzato. Il rom ha solo detto di avere 25 anni, di essere un rom ma ha rifiutato di dire chi fosse il bambino, o il suo nome. Neanche si sa se il piccolo sia un suo parente oppure se lo abbia rapito da qualche altra parte. Neanche il bambino è stato in grado di dire nulla. Il bambino era disidratato e sotto choc, ed è stato portato all’ospedale Grassi per un controllo.

Il rom arresstato per sfruttamento della prostituzione

Nel sangue dei due comunque non ci sono tracce di droga. Si sospetta che anche il bambino probenga da uno dei campi rom della capitale, ma si stanno svolgendo ulteriori accertamenti. Per ora il rom è stato arrestato con l’accusa di sfruttamento minorile della prostituzione. Ora è stato affidato ai servizi sociali del comune di Roma. Non si hanno notizie della sua famiglia.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *