Per la Raggi una Cinquina di monnezza. A Bufalotta come a Magliana (video)

Arriva una Cinquina di monnezza per la sindaca di Roma Virginia Raggi. Questo il titolo provocatorio della video denuncia postata su Facebook dall’associazione Dillo a Noi Roma. Che stavolta è andata a filmare la sporcizia nella zona di Cinquina. Ai confini tra la Bufalotta e il parco della Marcigliana. Zona Roma nord est, sulla via Nomentana. Proprio in un sito che dovrebbe essere tutelato e protetto. Perché fa parte di un grande parco urbano. Ma evidentemente neanche i vincoli ambientali riescono a fermare il degrado che si sta impadronendo di tutte le zone di Roma. D’altronde lo avevamo visto anche con il campo rom del Salario. Che sorge in un’altra area protetta, proprio a ridosso dell’ansa del Tevere. A Cinquina via Emilio Teza è ridotta uno schifo. Non c’è nemmeno più la possibilità di camminare sul marciapiede, mentre l’immondizia è sparpagliata davanti ai secchioni e sulla sede stradale. E al di là della rete di recinzione, il prato verde assomiglia ad una giungla incolta. Tra insetti, topi e rifiuti dei generi più svariati. Abbandono e incuria, al centro come in periferia. E davvero non se ne può più, perché una capitale come Roma meriterebbe almeno di essere un po’ amata e curata. Incominciando proprio da chi la amministra.

https://www.facebook.com/cesareporro1950/videos/1205987903100923/

Da Cinquina a Magliana, cambiano i quartieri ma rimane l’immondizia. A Roma è il degrado a farla da padrone 

La fotografia della città non cambia. Anche passando da Cinquina a via della Magliana. Dal terzo municipio all’undicesimo. Il problema è sempre lo stesso. La raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani sembrano fermi all’anno zero. Sarà perché non ci sono al momento discariche funzionanti in città. O forse perché l’AMA non sa dove conferire i rifiuti. Da quando anche Frosinone si è ribellata. E ha detto che non intendeva più essere considerata la pattumiera di Roma. Ma questi sono problemi della Raggi, di Zingaretti e di chi amministra la cosa pubblica. Le persone vogliono semplicemente vedere i loro quartieri puliti. Così un altro cittadino filma quello che succede a via della Magliana. Lui si chiama Cesare Porro, e filma tutto dal balcone di casa sua. Solito albero e solito deposito abusivo di rifiuti. Come una piccola discarica a a cielo aperto. Ormai in tantissimi dicono basta, e le scuse che è colpa di chi governava prima non reggono più. Va bene, abbiamo capito che il vento del cambiamento in città non si è visto. Ma almeno chiediamo di non sentire più la puzza di monnezza. È forse pretendere troppo?

Cinquina Via Emilio Teza‼️Cinquine a destra e sinistra dalla mondezza‼️Toc Toc Virginia‼️

Pubblicato da Dillo a Noi Roma su Mercoledì 1 luglio 2020

 

Per approfondire