Pugni e colpi di sedia fuori al bar: arrestato straniero irregolare

polizia

Ha aggredito i passanti, fuori dal bar, senza alcun motivo. Prima un pugno a un uomo, poi colpi di sedia contro una donna. Infine la sua furia sembrava apparentemente placata quando sono arrivati i poliziotti della Squadra Volante, che lo hanno denunciato in stato di libertà. Lui, uno straniero irregolare sul territorio, ieri pomeriggio si è reso responsabile di un’aggressione ai danni di alcune persone all’esterno di un’attività commerciale di Latina.

L’allarme a Latina

I poliziotti erano intervenuti grazie alla segnalazione di una dipendente dell’attività commerciale, allarmata per quanto stava succedendo. Ma quando gli agenti sono arrivati sul posto, hanno trovato il presunto aggressore apparentemente tranquillo.

L’uomo, come raccontato dalle persone presenti, ha dapprima aggredito per futili motivi un uomo, colpendolo con un pugno. Poi, evidentemente non soddisfatto, lo straniero si è scagliato contro una donna lì presente utilizzando una sedia. Fortunatamente i colpi non hanno procurato alla vittima gravi ferite.

I precedenti: aveva già aggredito passanti

Dai controlli fatti dagli agenti è emerso che lo straniero ha numerosi precedenti di polizia per reati simili. L’uomo è stato quindi condotto presso gli Uffici della Questura per le procedure di identificazione ed è stato denunciato per il reato di percosse.

I successivi accertamenti hanno evidenziato la mancanza di titoli legittimi per la permanenza sul territorio nazionale e pertanto l’Ufficio Immigrazione ha attivato nei suoi confronti le procedure dirette all’accompagnamento presso il centro di permanenza per il rimpatrio di Bari, dove nella serata di ieri è stato condotto dai poliziotti della Questura e dove permarrà per le successive attività amministrative volte al rimpatrio nel paese di origine.

Il risultato è frutto delle sinergiche attività della squadra volante e dell’Ufficio immigrazione, che vedono costantemente impegnati i poliziotti della Questura e che hanno tra gli obiettivi anche quello del contrasto alla permanenza irregolare di soggetti stranieri sul territorio dello Stato.