Ragazzo 19enne picchia la madre e minaccia gli agenti, ‘mo meno pure voi’

Lo aveva messo lei al mondo. E mai avrebbe pensato di essere ‘ripagata’ con la moneta delle minacce e della violenza. E invece è questo quello che ha vissuto una mamma, vittima del figlio di 19 anni che da tempo le urlava contro, la picchiava. Un vero e proprio incubo terminato con l’intervento degli  agenti della Sezione Volanti, diretta da Massimo Improta. Che hanno arrestato il ragazzo, identificato per B. L. di 19 anni, resosi responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia. I poliziotti sono intervenuti in via Domenico Cavalca per la segnalazione di un soggetto fuori controllo che stava aggredendo la madre in casa.

Ragazzo 19enne aggredisce e picchia la mamma. Arrestato

Giunti prontamente sul posto, gli agenti hanno notato una povera donna in lacrime. Che chiedeva il loro aiuto dal balcone del primo piano. Entrati nell’abitazione la donna, 45enne, ancora molto scossa e agitata, ha riferito di essere stata aggredita fisicamente e verbalmente dal figlio, presente sul posto. Il ragazzo, seduto sul divano, alla vista dei poliziotti, è scattato in piedi e ha iniziato a inveire contro la madre. Gli agenti hanno cercato allora di calmarlo ma quest’ultimo, sempre con aria aggressiva, ha cercato il contatto fisico con gli agenti, proferendo frasi del tipo “VOLETE VEDERE CHE MENO PURE A VOI? VI CONSIGLIO DI USCIRE ALTRIMENTI CI PENSO IO”.

Probabilmente alterato, il 19enne ha nuovamente cercato di aggredire la madre, il tutto evitato solo grazie al tempestivo intervento degli agenti che lo hanno allontanato e poi accompagnato, con non poca difficoltà, all’interno dell’autovettura di servizio. Una volta riportata la situazione alla normalità, la donna ha riferito di aver dovuto lasciare la sua abitazione dal mese di giugno e di aver trovato ospitalità presso l’abitazione di una sua amica, in quanto terrorizzata dalle continue escalation di violenza verbale e fisica del figlio.

Sempre a dire della donna il figlio sarebbe un assuntore di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina e hashish,  e difatti  nei giorni precedenti,  dopo  l’ennesima  lite, era stata costretta  a  contattare  il 112NUE, e il personale dell’arma  intervenuto aveva  trovato diversi involucri di cocaina e Hashish in casa.

La recente aggressione

Per quanto riguarda l’ultima aggressione, la donna ha detto di essere tornata a casa. Per assicurarsi delle condizioni del figlio e per portargli della spesa, come era solita fare periodicamente. Ma quest’ultimo non era presente e allora aveva deciso di rimettere un po’ in ordine l’appartamento. Il figlio non appena rientrato, avendola vista, è andato su tutte le furie. Iniziandola a spintonare fuori dall’abitazione e facendola quasi cadere dalle scale. Al punto che è stato chiamato il 112 NUE.  

In sede di denuncia, la donna, nonostante presentasse evidenti rossori sul viso riconducibili al tipo di aggressione descritta e ricevuta dal figlio, ha rifiutato l’intervento di personale sanitario.

A causa della serie di vessazioni nei confronti della madre, sia verbali che fisiche, il ragazzo è stato arrestato per il reato di maltrattamenti in famiglia. Ed associato presso  una  casa  circondariale.

Per approfondire