Paghiamo la Rai per far insultare Melania Trump da Alan Friedman (video)

Melania Trump

Ma noi dobbiamo mantenere il servizio pubblico per far insultare Melania Trump in trasmissione? È normale tutto questo?

Ridono tutti – ma non c’è proprio nulla da ridere per una simile pagliacciata – quando Alan Friedman appella come escort, fingendo di essersi sbagliato, la moglie di Donald Trump.

Insulti a Melania Trump

E ovviamente è tutto normale. Non ci sono le compagnucce di tutto il mondo ad insultare come meriterebbe un personaggio assolutamente sgradevole, incapace del minimo rispetto.

Appena si fa una battuta su una donna di sinistra – o su quelle che da destra badogliano verso sinistra – casca il mondo, ululati di indignazione e poco ci manca per la richiesta di galera.

Melania Trump

Invece, il giorno dell’uscita dalla Casa Bianca, il solo fatto di essere la moglie del presidente che ha perso le elezioni, comporta di essere insultata nella televisione italiana. Melania Trump escort. Che altro deve succedere per inibire per sempre l’accesso di Alan Friedman al servizio pubblico radiotelevisivo?

Il bellimbusto ha finto pure di volersi correggere in una dichiarazione successiva, non certo in tv, perché alla Rai nessuno gli ha detto di chiedere scusa: “Non è stata assolutamente una cosa voluta. Stavo traducendo dall’inglese, la parola italiana che volevo dire era ’accompagnatrice, ed è uscito ’escort’. Mi sono corretto subito, non c’è da montarci su una questione”. Perché, accompagnatrice è un complimento rivolto alla moglie di Trump? Ma ha bevuto?

Friedman non ha stile

Se non conosce né la sua lingua né la nostra, il signor Friedman sarebbe bene ad astenersi a partecipare a trasmissioni che manteniamo noi. Un atteggiamento così indisponente è davvero imbarazzante.

Essere la first lady è stato il mio più grande onore”. Così Melania prima di salire a bordo dell’Air Force One con Donald Trump per l’ultima volta da presidente degli Stati Uniti. Grazie per il vostro amore e sostegno – ha detto visibilmente emozionata – Sarete nei miei pensieri e nelle mie preghiere. Dio vi benedica. Benedica le vostre famiglie e la nostra grande nazione. Grazie”.

Impara, Friedman. È stile.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti

  • giulio giovannini scrive:

    Caro Francesco
    assolutamente d’accordo. E’ ora di finirla con questo utilizzo di parte della tv e di trasmissioni in tutte le salse per dibattiti condotti da improbali conduttori /giornalisti (?!?) che hanno “studiato” e avuto la tessera probabilmente alle “botteghe oscure”.
    Buon lavoro. Giulio Giovannini collega giornalista (odg lazio) e SPN del Movimento politico libero e indipendente UNITI per L’ITALIA .