Regione Lazio: ecco i nuovi bandi per l’accesso al credito delle imprese

Regionali lazio 2023

Domani, giovedì 30 novembre, alle ore 10.30, presso la sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musicaviale Pietro de Coubertin 30 – la Regione Lazio presenterà i bandi per l’accesso al credito delle imprese. Si tratta di quattro strumenti per rispondere a diverse esigenze imprenditoriali.

Quattro strumenti per rispondere e diverse esigenze imprenditoriali

Nello specifico: Nuovo Fondo Futuro, per nuove imprese o aziende in fase di avvio; Nuovo Fondo Piccolo Credito, per imprese operative da almeno due anni; Fondo Patrimonializzazione Pmi, per società di capitali che necessitano di un rafforzamento patrimoniale; Basket Bond Lazio, per imprese strutturate, con fabbisogni finanziari significativi. Alla conferenza stampa parteciperanno Roberta Angelilli, vicepresidente Regione Lazio e assessore a Sviluppo economico, Commercio, Artigianato, Industria, Internazionalizzazione; Giancarlo Righini, assessore a Bilancio e Programmazione economica della Regione Lazio; Angelo Camilli, presidente di Unindustria; Massimo Di Carlo, vicedirettore generale e direttore Business di Cassa Depositi e Prestiti; Massimo Maccioni, direttore generale di Artigiancassa; Francesco Minotti, amministratore delegato di Mediocredito Centrale.

Tavolo alla Regione Lazio per la definizione della Zls

Dalla giunta Rocca arrivano anche altre comunicazioni. Dopo alcune riunioni preliminari presso il Ministero della Coesione, si è svolta in Regione Lazio la prima seduta ufficiale che ha istituito il tavolo di lavoro per la definizione della Zls per il Lazio. Al tavolo, coordinato dalla vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico, al Commercio e Artigianato, all’Industria e Internazionalizzazione della Regione Lazio, Roberta Angelilli, hanno partecipato i dirigenti regionali e i dirigenti del Ministero della Coesione. “Abbiamo avviato un’istruttoria molto concreta per accelerare i tempi, perché la Zls è una priorità, un tassello strategico da inserire nell’importante puzzle dello sviluppo, ma non è la soluzione a tutti i problemi. Dobbiamo mettere a sistema tutte le risorse e le misure regionali, nazionali ed europee per definire un vero e proprio piano dello sviluppo. Per questo abbiamo chiesto anche il coinvolgimento del Mit e del Mef”, ha spiegato la vicepresidente Angelilli.

Angelilli: “La proposta della giunta Zingaretti fu ritenuta irricevibile”

“La proposta avanzata dalla giunta Zingaretti al governo Draghi fu ritenuta irricevibile perché la perimetrazione geografica era eccessivamente estesa in palese violazione delle normative nazionali ed europee. Dovremo ripartire da qui”, ha ricordato Roberta Angelilli. “Per noi è stato di strategica importanza inserire un esplicito riferimento alle misure agevolative nazionali previste per la Zls relativamente alla copertura finanziaria di competenza regionale nell’Accordo per lo Sviluppo e la Coesione tra governo e Regione Lazio, firmato dal presidente del Consiglio Giorgia Meloni e dal presidente della Regione Lazio Francesco Rocca”, ha concluso il vicepresidente Angelilli. Il tavolo per l’istituzione della Zls tornerà a riunirsi presso la Regione Lazio a metà dicembre, presieduto dal presidente Francesco Rocca.

Per approfondire