Richetti (Azione) querela Fanpage: “Ha diffuso filmati e articoli diffamatori” (video)

calenda

“Il senatore e presidente di Azione Matteo Richetti ha dato mandato ai propri legali per procedere in sede civile nei confronti di Fanpage, del direttore responsabile e degli altri soggetti responsabili per gli articoli e i video diffamatori nei suoi confronti pubblicati in questi giorni”. Si legge in una nota di Azione. “In tal modo sarà possibile accertare la palese falsità delle accuse mosse nei suoi confronti e dei messaggi telefonici pubblicati dalla testata, senza neppure verificarli”. Richetti, aggiunge l’ufficio stampa di Azione, procederà “in sede penale” oltre che civile.

Picierno contro Calenda: “La presunta vittima definita una pazza, vergognati”

Fanpage ha riportato la denuncia di una ragazza che ha accusato il senatore di Azione di ripetute molestie sessuali. Da parte sua, Richetti e tutto il suo partito, hanno definito la donna in questione come una stalker. In particolare, Carlo Calenda ha difeso pubblicamente il senatore Richetti dalle accuse di molestia definendo la donna “una pazza”. La questione ha scatenato la risposta anche di alcune parlamentari, indignate per lo sbilanciamento di prospettiva. “Come sempre i presunti molestatori sono persone per bene e le presunte vittime sono pazze squilibrate. Carlo, vergognati”. Lo scrive su Twitter la vice presidente del Parlamento europeo Pina Picierno, del Pd, replicando alla risposta che Carlo Calenda ha dato a un post della stessa Picierno sulla vicenda Richetti.

“Una donna ha denunciato a Fanpage di essere stata abusata sessualmente nel novembre 2019 da un senatore della Repubblica, candidato alle prossime elezioni e ai piani alti di un importante partito politico”, così il sito ha presentato la notizia. Poco dopo è stato lo stesso Richetti a precisare che lui è la vittima della questione e di avere denunciato la donna alle autorità competenti.

La segnalazione di Dagospia
Dagospia nel dicembre dello scorso anno aveva dedicato uno spazio incandescente a un anonimo senatore

Il senatore Richetti: “Ho denunciato questa donna nel novembre 2021”

“La mia reputazione – ha detto il presidente di Azione – è stata infangata da un’intervista anonima negli ultimi giorni della campagna elettorale. Sono cose che non accadono in un Paese civile. Ora basta. Il 29 novembre 2021 ho sporto una denuncia che riporta i deliranti messaggi di una persona con scarso equilibrio”.

“Una denuncia che riporta le infamie verso tutta la mia famiglia. Tali messaggi, che sono stati allegati alla denuncia, chiariscono l’insussistenza di qualsiasi possibile molestia e le ragioni per cui ho denunciato la persona per stalking”, prosegue.

“Tutto questo materiale era a disposizione di Fanpage. Vivo questo inferno da mesi insieme ai miei figli e alle persone che amo. Ma la verità è più vicina di quanto non si immagini”, conclude il senatore di Azione.

 

Per approfondire