Roma, lo insegue in auto e poi gli spara: arrestato 44enne per tentato omicidio

Roma polizia

Prima la lite per motivi economici, poi gli spari direttamente dall’auto. Ancora un tentato omicidio a Roma, in zona Flaminio. Il fatto risale al 21 ottobre del 2023, ma ora a distanza di mesi chi ha aperto il fuoco è stato rintracciato e arrestato: si tratta di un 44enne albanese che questa mattina è finito ai domiciliari. L’uomo è stato intercettato, nella serata di ieri, dal personale della Polizia di Frontiera Marittima ed Area di Bari, che ha proceduto al suo controllo e ha verificato che era destinatario di rintraccio per la misura cautelare.

Il tentato omicidio in zona Flaminio

Tutto risale al 21 ottobre 2023, quando un uomo italiano si è presentato, a bordo della sua auto, al pronto soccorso dell’Ospedale “Sant’Andrea” in pericolo di vita, perché ferito con diversi colpi d’arma da fuoco al torace e alle gambe. Grazie alle indagini della Squadra Mobile, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, è stato possibile risalire all’autore: fondamentale il racconto della vittima e quello di alcuni testimoni, che hanno permesso di ricostruire, tassello dopo tassello, quel tentato omicidio.

Secondo quanto ricostruito, i due protagonisti della vicenda, poco prima che la vittima si recasse in ospedale in fin di vita, avevano avuto una lite per motivi economici. Una discussione, poi l’inseguimento a bordo delle rispettive auto in zona Flaminio. E infine gli spari. Il cittadino albanese, infatti, aveva esploso diversi colpi d’arma da fuoco nei confronti della vittima, attingendolo, mentre era alla guida del suo veicolo, al torace e alle gambe. Per poi dileguarsi e far perdere le proprie tracce.

Tentato omicidio a Roma: 52enne accoltella il fratello

L’arresto

La Squadra Mobile ha così ricostruito tutta la dinamica e il Pubblico Ministero titolare delle indagini ha richiesto l’applicazione della custodia cautelare nei confronti dell’indagato. Il Giudice per le indagini preliminari ha emesso l’Ordinanza, con la quale ha applicato la misura degli arresti domiciliari, poi eseguita da personale della Polizia di Frontiera Marittima ed Area di Bari e dalla Squadra Mobile romana. L’uomo, infatti, è stato intercettato in Puglia ieri sera. E ora è finito ai domiciliari per tentato omicidio.